Elio, trovato morto in casa a 48 anni. Il corpo era in stato di decomposizione, l'allarme dato dai vicini

Il luogo della tragedia
Il luogo della tragedia
di Carla Passacantando
2 Minuti di Lettura
Martedì 9 Marzo 2021, 09:00

TOLENTINO - Non rispondeva al telefono e al campanello del suo appartamento in viale Bruno Buozzi a Tolentino. Alla fine lo hanno trovato morto, il corpo era in avanzato stato di decomposizione. Elio Marucci aveva solo 48 anni. Il decesso dovrebbe essere stato causato da un malore. Da qualche giorno i condomini del palazzo dove risiedeva non lo avevano più incontrato così hanno pensato che gli fosse successo qualcosa. 

 
Nel tardo pomeriggio di ieri hanno sentito un cattivo odore nel pianerottolo e hanno iniziato a suonare il campanello dell’appartamento dell’uomo, senza ottenere risposte. A quel punto hanno avvertito gli operatori sanitari del 118 di Macerata, che nel giro di pochi minuti sono giunti in viale Bruno Buozzi con l’ambulanza. Con loro sono arrivati anche i vigili del fuoco del distaccamento di Tolentino. Il loro intervento è stato necessario per poter entrare in casa dato che il portone di d’ingresso dell’appartamento dell’uomo era chiuso a chiave. I pompieri hanno così forzato la porta e una volta dentro si sono trovati di fronte una scena agghiacciante. Hanno trovato l’uomo senza vita, in uno stato in avanzata decomposizione, disteso a terra in bagno. Erano circa le 19 di ieri quando è stato trovato. L’uomo era morto da tempo, forse da diverse settimane, difficile dirlo per ora con esattezza. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della Compagnia di Tolentino per i dovuti rilievi finalizzati a risalire alle cause del decesso. Per i militari è esclusa la morte violenta. L’uomo viveva da solo. Ha una sorella che abita in Liguria. La notizia della morte del quarantottenne ha sconvolto tutti i condomini. Nessuno poteva immaginare quanto accaduto. L’uomo dopo il sisma del 2016 aveva lasciato di Tolentino per andare a vivere altrove, poi recentemente era rientrano in città. Sono ancora in corso le indagini da parte dei militari dell’Arma per ricostruire l’accaduto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA