Elio Marucci, il dramma della solitudine: la morte in casa risale addirittura a un mese fa

Elio Marucci, il dramma della solitudine: la morte in casa risale addirittura a un mese fa
Elio Marucci, il dramma della solitudine: la morte in casa risale addirittura a un mese fa
di Carla Passacantando
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Marzo 2021, 01:50

TOLENTINO  - È morto non meno di 30 giorni fa, Elio Marucci, il quarantottenne trovato senza vita nel tardo pomeriggio di lunedì nel suo appartamento in viale Bruno Buozzi 71. L’uomo non rispondeva al telefono né al campanello così i condomini hanno pensato che fosse accaduto qualcosa. Nel pianerottolo davanti al portone dell’appartamento dell’uomo e lungo le scale del palazzo si sentiva un forte puzzo, per questo è stato dato l’allarme che ha portato alla macabra scoperta. 

 

Il corpo dell’uomo è stato trovato in avanzato stato di decomposizione riverso a terra nel bagno di casa, la morte è avvenuta per cause naturali, un malore. Subito è’ stata esclusa morte violenta. Subito dopo il ritrovamento è stata effettuata l’ispezione dall’anatomopatologo. La casa è stata trovata curata ed in perfetto ordine. La salma ora è all’obitorio dell’ospedale di Macerata, in attesa dell’autopsia prevista oggi alle 9, che chiarirà le cause della morte. Elio Marucci viveva solo, non era sposato e non aveva figli. Aveva un carattere mite e taciturno. Aveva perso i genitori, il papà Fernando scomparso a causa di un incidente stradale quando lui aveva 20 anni, la mamma per una malattia. Elio lascia la sorella Eliana che vive a La Spezia. L’altra sera, appena appresa la tragica notizia è partita alla volta di Tolentino. Sulla pagina facebook ha scritto «Ciao fratello mio, che gli angeli ti accolgano». 

L’ultima volta che Marucci è stato visto dai condomini risale alla fine d di gennaio. Diversi i messaggi degli amici sui social. Marucci dopo il sisma aveva lasciato la città, ma di recente era rientrato a Tolentino. In città lo si vedeva in chiesa e spesso a passeggiare lungo viale Bruno Buozzi. La notizia della sua morte ha sconvolto in particolare tutti i condomini, i quali non pensavano mai che potesse essere capitata una simile tragedia. La camera ardente verrà allestita domani alle 8 nella casa del commiato Rossetti in via La Malfa; alle 11 è prevista la funzione funebre e poi la salma verrà cremata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA