Benzinaio di 48 anni ucciso da una malattia, fissati per oggi pomeriggio i funerali

Benzinaio di 48 anni ucciso da una malattia, fissati per oggi pomeriggio i funerali
Benzinaio di 48 anni ucciso da una malattia, fissati per oggi pomeriggio i funerali
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Aprile 2022, 08:10

TOLENTINO - Lutto in città per la scomparsa del benzinaio Stefano Pontillo Contillo, 48 anni. È morto l’altra notte nella sua abitazione, a Tolentino. L’uomo combatteva da qualche tempo contro una malattia che non è riuscito a sconfiggere. Era conosciutissimo in città, ma anche nella provincia di Macerata, per aver gestito diversi distributori di carburante: da quello vicino all’ospedale civile di Macerata, a quello in via Nazionale a Tolentino a quello a Maddalena di Muccia.

 

Tutti lo ricordano come un uomo generoso, sempre con il sorriso sulle labbra, pieno di vita. Era nato e cresciuto in viale Trento e Triste e da giovanissimo aveva frequentato al parrocchia Santa Famiglia. La comunità tolentinate si stringe attorno alla famiglia, straziata dal dolore. Stefano Pontillo Contillo lascia la moglie Marcella, i figli Leonardo e Luca, la mamma Enza, il padre Leonello, la sorella Cristina e il fratello Paolo. I funerali si svolgeranno oggi pomeriggio alle 16 nella chiesa dello Spirito Santo a Tolentino. La camera ardente è stata allestita ieri nella casa del commiato “Terracoeli”, in viale XXX Giugno.

Tanti i messaggi su Facebook in ricordo del quarantottenne da parte degli amici. «Ciao Stefano – ha scritto Giancarla - porteremo sempre i bei ricordi insieme. Che gli angeli ti accompagnino al trono del Signore». «Tristezza e dolore immenso», le parole di Graziella. Anna Maria invece ha scritto: «Un dolore che le parole non possono esprimere. Che il Signore dia la forza alla famiglia perché possa trovare consolazione per questo dolore inaccettabile» Joseph ha invece descritto il benzinaio di 48 anni come una «brava e simpatica persona». La notizia della morte di Stefano Pontillo Contillo nella giornata di ieri si è immediatamente diffusa a macchia d’olio e come detto sono stati numerosi gli attestati di cordoglio pervenuti alla sua famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA