Ragazzine ricattate dai coetanei sul web per avere le foto osé. Esplode il fenomeno durante la Dad

Mercoledì 12 Maggio 2021 di Chiara Marinelli
Con il lockdown sono aumentati i pericoli informatici per i minori

MACERATA - Il Covid-19 ha stravolto le vite di tanti e anche modificato, in parte, i pericoli del web. Dall’adescamento dei minori, sempre più soli davanti al computer, rimasti chiusi in casa per mesi e mesi, fino allo “zoombombing”, le azioni di disturbo organizzate introducendosi nelle ormai quotidiane videochiamate, sia per le lezioni a scuola che per le chiamate di lavoro. 

Si siede sui binari e aspetta il treno per farla finita: salvato dai poliziotti

Quindicenne sale per la scala antincendio all'ultimo piano dell'ospedale Salesi e minaccia di gettarsi nel vuoto

 

Questi i fenomeni con i quali sono stati alle prese gli utenti, diversi dei quali hanno chiesto aiuto a Red, Rete educazione digitale di Macerata, l’associazione presieduta da Raffaele Daniele, nata con lo  scopo di educare adulti e ragazzi ad un uso più consapevole delle nuove tecnologie, creata da diverse figure professionali operanti nel settore della sicurezza, della prevenzione e dell’informazione. 


«Nel nostro territorio ci siamo trovati davanti al fenomeno dello “zoombombing”, una intrusione indesiderata in una chiamata in videoconferenza, legato anche all’uso frequente che si fa di piattaforme come Zoom o Meet per la didattica a distanza – ha spiegato Daniele –. C’è stata, almeno in un primo momento della pandemia e dunque del lockdown, tanta ignoranza nell’uso di queste piattaforme, inizialmente sconosciute ai più. Il fenomeno consiste nell’intrusione e nel disturbo in queste videochiamate da parte di ragazzi, attraverso episodi di disturbo generici, fino ad arrivare alla trasmissione di materiale pornografico. C’è chi si è intrufolato in questi gruppi sfruttando i link liberi passati da altri studenti. E nelle videochiamate ci si ritrovavano anche questi estranei. Una cosa simile è accaduta ad Appignano, mentre era in corso un seminario online sulle Foibe». 

«Questo fenomeno, appunto, si è fatto sentire nel nostro territorio – ha continuato il presidente Daniele –. Come pure in aumento, in questo periodo, sono stati i casi di diffamazione e di ingiurie postati attraverso i commenti sui social quando venivano trattate, ad esempio, tematiche legate ad esempio alle vaccinazioni. C’è chi non è stato in grado di portare avanti un confronto civile, e gli autori di diffamazioni ed ingiurie sono anche persone colte, professionisti con una certa educazione scolastica. Un’altra problematica è quella legata alle cosiddette estorsioni online, diffuse soprattutto nella fascia d’età della scuola media».

Spesso vengono praticate nei confronti di ragazze adolescenti, da parte di giovanissimi, a volte coetanei o di poco più grandi. «I contatti avvengono tramite le chat dei giochi, poi gli autori, ottenendo la fiducia delle vittime, si fanno inviare foto osé tramite Whatsapp. E quando la persona non sta più al gioco, i responsabili minacciano di diffondere le immagini già ricevute». Alcune giovanissime cadute nella trappola, alla fine, hanno raccontato tutto ai genitori. Per loro un vero e proprio incubo. Un fenomeno purtroppo molto diffuso ai tempi della Dad, con adolescenti e giovanissimi per ore soli in casa davanti al Pc. 

«Ci sono anche gli stickers con immagini di natura pornografica, che si mandano tra ragazzini, anche alle elementari - osserva ancora il presidente di Red -. Sono arrivate diverse segnalazioni di questo tipo».


Da quando è nata, l’associazione raccoglie segnalazioni da parte di utenti alle prese con problemi legati all’uso del web. L’associazione Red è stata fondata con l’obiettivo di creare una rete, capace di intervenire attraverso nuovi metodi di comunicazione e calibrando i progetti e gli interventi in base alle varie fasce sociali. 


Sono diverse le realtà del territorio con le quali collabora Red, in sinergia per la realizzazione di conferenze, eventi e altre attività formative su tutta la provincia maceratese. Un grande impegno sul fronte della prevenzione, per garantire un uso consapevole e sicuro della rete. Tra le iniziative più importanti proposte da Red c’è quella del Villaggio Digitale, che nelle scorse edizioni ha ottenuto un grande successo.
 

Ultimo aggiornamento: 16:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA