Serrapetrona, moria di carpe nel lago:
neanche le analisi risolvono il mistero

Moria di carpe nel lago:
neanche le analisi
risolvono il mistero
SERRAPETRONA - Restano ancora un mistero le cause della moria di carpe registrato nei giorni scorsi nel lago di Borgiano a Caccamo di Serrapetrona. I risultati delle prime analisi sugli esemplari morti sono finora servite a escludere alcune delle cause, ma non a individuare che cosa abbia esattamente causato la moria. Le indagini sulla vicenda sono condotte dai carabinieri forestali di Camerino che, subito scattato l’allarme, hanno prelevato tre pesci morti per effettuare li accertamenti scientifici.
Le carcasse degli animali sono state consegnate all’Istituto zooprofilattico sperimentale di Tolentino per le verifiche analitiche e il referto riguardante la prima delle tre carpe morte non hanno fornito risposte decisive: infatti non sono risultate tracce dei patogeni virali che più comunemente infettano la specie ittica in questione, né sono emerse tracce di sostanze tossiche. Una risposta agli aspetti non chiariti si attendono ora dai dati ancora in lavorazione riguardanti le altre due carcasse campionate. Accanto ad essi, si spera di ottenere ulteriori dati dagli accertamenti su un esemplare di carpa vivo che mercoledì mattina i carabinieri forestali, insieme alla polizia provinciale e ai volontari dell’associazione “Carp fishing Italia” hanno catturato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 19 Aprile 2019, 11:08 - Ultimo aggiornamento: 19-04-2019 11:08

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO