È a rischio la prima del liceo scientifico. E allora Sarnano si mobilita: «Serve una deroga»

Venerdì 25 Marzo 2022 di Lolita Falconi
È a rischio la prima del liceo scientifico. E allora Sarnano si mobilita: «Serve una deroga»

SARNANO -  No ai tagli delle classi nei comuni dell’entroterra. Mercoledì 30 marzo i sindaci marchigiani delle aree interne e dei comuni colpiti dal sisma, insieme all’assessore regionale Giorgia Latini, manifesteranno a Roma davanti al ministero dell’Istruzione per la tutela dei servizi scolastici presenti sul territorio. 

 


«L’amministrazione comunale di Sarnano sarà in prima linea per difendere il proprio Liceo Scientifico, una vera eccellenza che da quasi 50 anni rappresenta un valore aggiunto per l’entroterra. Infatti, a causa della scadenza delle deroghe concesse subito dopo gli eventi sismici del 2016, sembrerebbe a rischio la concessione della prima classe del Liceo Scientifico per il prossimo anno scolastico 2022/2023 - afferma l’amministrazione guidata dal sindaco Luca Piergentili - . Una tale eventualità va assolutamente scongiurata in quanto rischierebbe di compromettere la necessaria continuità dell’offerta scolastica e, nel medio e lungo periodo, la stessa esistenza di questo prestigioso istituto. Bisogna infatti comprendere che nell’entroterra, ancor più dopo il terribile impatto che il sisma ha avuto in ambito sociale ed economico, non si può ragionare solo con la fredda logica dei numeri, ma è necessario perseguire una politica di rafforzamento dei servizi essenziali che sia in grado di invertire la tendenza allo spopolamento».

 

«Per questo, i servizi scolastici – al pari di quelli sociosanitari – vanno garantiti con una capillarità che tenga conto della natura e della conformazione delle aree interne, caratterizzate dalla presenza di piccoli comuni e di una viabilità non certo agevole. Vanno dunque garantite le necessarie deroghe che tendano a perequare i territori montani rispetto a quelli basso-collinari e costieri perché, diversamente, si andrebbe addirittura in contrasto con le misure di alcune strategie nazionali (la Snai prima ed il Pnrr oggi) tendenti proprio a favorire la crescita di queste aree attualmente ancor più svantaggiate. L’amministrazione comunale di Sarnano, fecendosi quindi portavoce di un ampio territorio che abbraccia i comuni montani delle province di Macerata, Fermo ed Ascoli Piceno, chiede con forza che vengano adottati tutti i provvedimenti necessari a garantire l’istituzione della prima classe del Liceo Scientifico di Sarnano per il prossimo anno scolastico 2022/2023».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA