Archeologia, scoperto un complesso funerario di epoca romana durante gli scavi per un supermercato

Una delle sepolture emerse dagli scavi a San Severino
Una delle sepolture emerse dagli scavi a San Severino
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Febbraio 2022, 16:16 - Ultimo aggiornamento: 14 Febbraio, 15:32

SAN SEVERINO - Straordinaria scoperta archeologica a San Severino Marche. Ne dà notizia la  Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Ancona e Pesaro e Urbino, con un post su Facebook. Le attività di scavo archeologico preventivo svolte tra ottobre 2021 e gennaio 2022 in occasione della costruzione del nuovo punto vendita Eurospin di San Severino Marche, condotte dalla ditta specializzata ArcheoLab di Macerata sotto la direzione scientifica del dott. Tommaso Casci Ceccacci della Soprintendenza hanno permesso di mettere in luce un esteso complesso funerario di epoca romana.


 
Il valore di eccezionalità del contesto archeologico emerso, infatti, consiste nella sua appartenenza alla più estesa necropoli occidentale della città romana di Septempeda, sviluppata all’esterno della cinta muraria cittadina in aderenza al percorso viario che la collegava alla città di Nuceria Camellaria (Nocera Umbra) e alla Via Flaminia.
L’area sepolcrale, individuata in prossimità del muro di recinzione prospicente la S.P. 361, si distingue per la presenza di 14 sepolture articolate lungo i margini meridionali del diverticolo Prolaquense della Flaminia, che attraversando l’antico centro urbano sulla direttrice est-ovest, ne costituiva anche il decumano massimo.

Nella sua organizzazione originaria, inquadrabile orientativamente nei primi due secoli dell’impero, lo spazio funerario portato in luce ha uno sviluppo est-ovest, distribuendosi parallelamente all’asse viario lungo i margini di una scarpata naturale. Le scrupolose indagini archeologiche eseguite hanno permesso di riconoscere rituali, architetture funerarie e forme di sepoltura estremamente variegati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA