Ubriachi scatenano il caos in un bar, uno di loro aggredisce i carabinieri e finisce in manette

Lunedì 16 Novembre 2020 di Benedetta Lombo
Nella foto di repertorio una pattuglia dei carabinieri

SAN SEVERINO - Si barrica nel bar per non far entrare due clienti ubriachi. Intervengono i carabinieri, arrestato un settempedano di 57 anni per resistenza a pubblico ufficiale. È accaduto a San Severino sabato scorso quando alla centrale operativa dei carabinieri di Tolentino è arrivata la chiamata di un barista settempedano che riferiva di una grossa rissa in corso davanti al suo locale e chiedeva l’intervento dei militari in viale Collio. 

 

Erano le 16.45. Sul posto sono immediatamente intervenute le pattuglie degli uomini dell’Arma, ma al loro arrivo non solo hanno trovato alcuna rissa, ma sul posto c’erano anche gli agenti della polizia locale. All’esterno del bar c’erano degli avventori, tutti giovani, che stavano consumando le bibite ordinate e due uomini, entrambi di 57 anni, visibilmente ubriachi che gridavano. In base a quanto ricostruito dai carabinieri i due erano arrivati poco prima al bar, già alticci, e avevano chiesto da bere. Il titolare, però, si era rifiutato di servirgli dell’alcol e li aveva invitati ad uscire dal locale. In quel momento i due, entrambi settempedani, hanno alzato la voce e, urlando, hanno rivendicato il loro diritto di bere, il titolare a quel punto si è chiuso dentro al bar per evitare che i due entrassero e ha chiamato il 112 chiedendo l’intervento dei militari.

Alla vista della polizia locale e dei carabinieri i due hanno iniziato a inveire contro i rappresentanti delle forze dell’ordine e a minacciare, in particolare, gli agenti della polizia municipale. Uno dei due si sarebbe rivolto contro i vigili dicendo che li conosceva e che sapeva dove abitavano e poi rivolgendosi verso i carabinieri aveva iniziato a pronunciare frasi di sfida. 
 
I militari hanno tentato di riportarli alla calma, riuscendoci però solo con uno dei due, e quando un carabiniere si è allontanato con quest’ultimo, l’altro pensando che gli stessero portando in caserma l’amico è intervenuto e si è avventato su di loro strattonandoli. Sia il militare sia l’amico sono caduti a terra, il 57enne è stato immobilizzato ma ha iniziato a scalciare facendo cadere un altro militare. È stato quindi arrestato e posto agli arresti domiciliari. È difeso dall’avvocato Laura Antonelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA