Aveva spacciato cocaina a due ragazzi: Daspo urbano a un uomo di 36 anni. Non potrà frequentare quattro locali

Aveva spacciato cocaina a due ragazzi: Daspo urbano a un uomo di 36 anni. Non potrà frequentare quattro locali
Aveva spacciato cocaina a due ragazzi: Daspo urbano a un uomo di 36 anni. Non potrà frequentare quattro locali
di Benedetta Lombo
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Luglio 2022, 04:30

SAN GINESIO - Spaccia cocaina a due giovani, scatta il Daspo urbano per un 36enne. Per due anni non potrà frequentare determinati locali di San Ginesio. Il provvedimento è stato richiesto dai carabinieri ed emesso dal questore. Tutto era iniziato il 9 luglio scorso quando i militari della Compagnia di Tolentino avevano sorpreso l’uomo mentre cedeva una dose di cocaina a due giovani di San Ginesio nel corso di una serata in un locale pubblico. Sul momento nei confronti del giovane era scattata la denuncia a piede libero all’autorità giudiziaria per spaccio


Nel frattempo però i militari effettuarono ulteriori controlli sul 36enne che risultò gravato da precedenti specifici in materia di stupefacenti e guida in stato di ebbrezza, è stato così che gli uomini dell’Arma hanno chiesto l’emissione nei suoi confronti del cosiddetto Daspo urbano. Il questore di Macerata, valutata la richiesta effettuata dai militari, ha emesso il provvedimento nei confronti del giovane che non potrà più frequentare quattro locali pubblici in San Ginesio e le loro immediate adiacenze per la durata di due anni. 


In materia di controllo del territorio finalizzato al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti e al rispetto delle norme sulla circolazione stradale, soprattutto nel fine settimana, per prevenire il grave fenomeno delle cosiddette “stragi del sabato sera” i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Tolentino la sera del 17 luglio scorso hanno sanzionato e ritirato la patente a un giovane risultato positivo all’accertamento etilometrico. Il 22 luglio, invece, nel corso della notte, i militari del Nucleo operativo e radiomobile hanno fermato un uomo alla guida della propria auto con un tasso alcolemico pari a 2,23 grammi per litro. A ciò è conseguita la denuncia all’autorità giudiziaria, oltre al sequestro del veicolo e al ritiro della patente.

A San Severino invece a un uomo è stato revocato il decreto di sospensione dell’ordine di carcerazione da parte della Procura Generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Ancona – Ufficio esecuzioni penali, per cui i carabinieri della locale stazione hanno eseguito l’accompagnamento al carcere di Fermo. L’uomo dovrà scontare la pena residua di sei mesi oltre alla pena pecuniaria, per la condanna definitiva relativa al reato di spaccio di sostanze stupefacenti commesso nel 2016 a San Severino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA