Pedinato durante il giro di consegne: pusher preso con cocaina e migliaia di euro, sarà espulso

Pedinato e fermato durante il giro di consegne: pusher preso con cocaina e migliaia di euro
Pedinato e fermato durante il giro di consegne: pusher preso con cocaina e migliaia di euro
3 Minuti di Lettura
Venerdì 24 Giugno 2022, 12:56

RECANATI - I poliziotti lo hanno pedinato durante il giro di consegne e alla fine l'hanno sorpreso con la cocaina e migliaia di euro. Si tratta di un albanese irregolare: gli è stato sequestrato il passaporto e notificata l'espulsione.

I Poliziotti di Stato della Questura di Ancona, congiuntamente a quello di Macerata, hanno effettuato una perquisizione a carico di un giovane albanese di 32 anni, disoccupato, domiciliato in provincia di Macerata, non in regola con le norme sul soggiorno sul territorio nazionale. Dopo un primo pedinamento il giovane veniva fermato dai poliziotti in località Squartabue di Recanati, mentre si trovava a bordo della sua autovettura usata per le consegne dello stupefacente. Da una prima perquisizione personale, venivano rinvenuti 9 involucri di cocaina pronti per essere spacciati sul mercato. La ricerca dello stupefacente permetteva agli agenti di rinvenire anche qualche centinaio di euro che lo stesso deteneva all’interno di una tasca, denaro sequestrato in quanto ritenuto provento dello spaccio di cocaina.

Auto a zig zag o che finiscono fuori strada: ubriachi e drogati, strage di patenti

Successivamente i poliziotti si spostavano a Recanati, nel luogo del domicilio del giovane albanese, per estendere la perquisizione anche in quell’appartamento. In questa circostanza venivano rinvenuti 3300 euro, anche questi ritenuti provento dell’attività di spaccio anche a fronte del fatto che l’indagato non svolge nessuna attività lavorativa. Oltre al denaro veniva rinvenuta attrezzatura e materiale idonei al confezionamento della cocaina, ovvero, ritagli in cellophane e un bilancino elettronico che comprovavano in modo inequivocabile la fiorente attività di spaccio intrapresa. A fronte dei riscontri investigativi, lo straniero veniva deferito alla competente Procura della Repubblica presso il Tribunale di Macerata in merito al reato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. Vista l’irregolarità sul territorio nazionale, si procedeva al ritiro del passaporto e alla notifica dell’espulsione dall’Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA