iGuzzini illuminazione porta a Recanati la sede regionale per il Nord America. Nel 2021 +7,5% di fatturato

Quartier generale a Recanati

Lo stabilimento di Recanati
Lo stabilimento di Recanati
di Giulia Sancricca
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Febbraio 2022, 04:40 - Ultimo aggiornamento: 14:35

RECANATI - Una nuova direzione operativa, per la regione del Nord America, a Recanati. iGuzzini Illuminazione guarda al 2022 con l’obiettivo di accelerare il rafforzamento della presenza nei mercati mondiali, confermando però il ruolo centrale del quartier generale di Recanati.

Civitanavi Systems, giornata storica. L’azienda marchigiana fa il suo esordio a Piazza Affari

 

Lo stabilimento che lo scorso mese di novembre era stato interessato dall’annuncio di 103 esuberi che poi sono diventati 42, ora acquisisce un altro reparto. La nuova direzione operativa si aggiunge a quella già esistente per il Sud America e l’Europa, oltre che alla direzione, al sito di produzione principale e al centro di ricerca e sviluppo. 
Il gruppo annuncia anche un roadshow in Europa, Usa e Australia e investimenti in ricerca e sviluppo pari al sei percento del fatturato. «La nuova direzione per il Nord America - si legge nella nota dell’azienda - gestirà le operazioni commerciali e lo sviluppo del business in Stati Uniti e Canada. In questo modo si rafforzano sia lo sviluppo internazionale del business che il ruolo guida della sede centrale. Quest’anno sarà poi realizzato un roadshow con l’obiettivo di valorizzare il marchio nelle comunità internazionali di specialisti del settore». iGuzzini guarda anche al fatturato che torna a crescere. «L’anno che si è appena concluso ha visto segnali positivi rispetto al 2020, anno in cui gli effetti della pandemia si sono manifestati in modo molto significativo. Un aumento del 7,5 percento pari a 203,4 milioni. Risultati ottenuti a prezzi di listino invariati. Ciò è stato possibile grazie alla decisione strategica di “fare magazzino” nella fase iniziale della pandemia, mettendo al riparo la società sia dalle fluttuazioni dei prezzi di materiali e componenti, sia dalla progressiva irreperibilità sul mercato degli stessi». Una crescita che continua anche nel 2022. «Nei primi 40 giorni di quest’anno - scrive l’azienda -, rispetto allo stesso periodo del 2019, gli ordini sono cresciuti del 14 percento e il fatturato del 24 percento». 
«I risultati raggiunti nel 2021 e i numeri di questo inizio anno - aggiunge il Ceo, Cristiano Venturini - confermano che abbiamo imboccato la strada giusta». Dati che permettono, quindi, al gruppo di continuare a destinare il sei percento del fatturato annuo al centro di Ricerca e Sviluppo di Recanati. «Proseguiranno - annuncia l’azienda - le collaborazioni con primari enti universitari del territorio e internazionali nello sviluppo di progetti di ricerca con focus su sostenibilità e benessere». Tra questi la Scuola di scienze e tecnologie dell’università di Camerino, l’Università Politecnica delle Marche, l’Icahn School of Medicine at Mount Sinai negli Usa e l’istituto Enrico Mattei di Recanati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA