Cerimonia per i diplomati eccellenti. Premi da Comune e Casa Leopardi. L'assessore Soccio: «Siamo orgogliosi di loro»

Lunedì 27 Settembre 2021 di Veronica Bucci
Cerimonia per i diplomati eccellenti. Premi da Comune e Casa Leopardi. L'assessore Soccio: «Siamo orgogliosi di loro»

RECANATI -  Hanno finito il loro percorso di scuola superiore in uno dei momenti più difficili a livello mondiale. Ma lo hanno fatto con tenacia, coraggio e dedizione. Tutte caratteristiche che hanno permesso loro di raggiungere il massimo dei voti. 

 


Sono gli studenti eccellenti delle scuole di Recanati che ieri mattina sono stati ricevuti in Comune dal sindaco Antonio Bravi e dall’assessore Rita Soccio per un riconoscimento che elogi il risultato raggiunto. Circa 60 gli studenti degli istituti Bonifazi, Leopardi e Mattei che, all’esame di maturità, hanno ottenuto il massimo dei voti e, in alcuni casi, anche la lode. «Siamo fieri e orgogliosi di queste ragazze e ragazzi - dice l’assessore - che non si sono arresi di fronte alle tante difficoltà della didattica a distanza e al disagio psicologico generato dalla pandemia. Fieri e orgogliosi anche dei docenti, dei dirigenti e dei genitori che li hanno supportati e incoraggiati nel loro percorso di crescita. Abbiamo voluto omaggiarli per augurar loro buona vita e la possibilità di realizzare i loro sogni. Bisogna riconoscere che si sono impegnati molto, soprattutto in questa situazione pandemica che lascia cicatrici difficili da rimarginare e che giovani come loro si porteranno dietro per tanto tempo. Così abbiamo pensato di organizzare questa giornata per omaggiarli». Il Comune, in collaborazione con Sistema Museo, ha donato ai giovani una tessera gratuita per l’accesso al circuito museale cittadino: Villa Colloredo Mels, la Torre del Borgo, il Museo Gigli e quello della Musica. «Anche perché non tutti sono di Recanati - prosegue l’assessore -. All’interno c’era pure un omaggio artistico con un depliant contenente le opere di Biagio Biagetti». 


Gli studenti sono stati entusiasti anche del dono che ha voluto far loro Casa Leopardi: «La contessa Olimpia - dice Rita Soccio - li ha omaggiati con un ingresso gratuito per la visita della biblioteca e, quando saranno tutti disponibili, sarà lei ad accompagnarli in una visita guidata nella struttura. Il Centro nazionale di studi leopardiani, invece, ha donato a ciascuno la riproduzione dell’Infinito». Sono intervenuti anche i dirigenti Antonella Mercatali e Claudio Bernacchia, oltre alle famiglie dei ragazzi che potranno avere una foto ricordo della mattinata grazie alla collaborazione di Fotocineclub che ha accolto l’invito del Comune.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA