Ceneri e fotografie lasciate sulla tomba di Beniamino Gigli, l’ultimo desiderio di un ammiratore misterioso

Domenica 21 Novembre 2021 di Giulia Sancricca
L'urna con le ceneri trovate sulla tomba di Beniamino Gigli a Recanati

RECANATI - Una scatola in legno, un sacchetto con delle ceneri e un nome: Miguel Moises. Nessuno sa chi si celi dietro la comparsa di un’urna cineraria sulla tomba di Beniamino Gigli. Solo la  certezza che, chiunque fosse quell’uomo morto il 16 aprile del 2020 e cremato a San Paolo del Brasile, nutriva una forte ammirazione per il tenore, tanto da desiderare di essere tumulato a Recanati, insieme a lui. A scoprire la scatola in legno, ieri mattina, è stato Pierluca Trucchia, presidente dell’associazione Beniamino Gigli. 

 

 

Il ritrovamento

«Di tanto in tanto - dice - mi reco sulla tomba del tenore per cambiare i fiori e sistemare il mausoleo. L’ultima volta ci sono stato nei primi giorni di novembre e non avevo notato nulla di particolare. Questa mattina (ieri per chi legge, ndr) invece, ho trovato una scatolina di legno semiaperta e delle foto. All’interno dell’urna un sacchetto con delle ceneri e il nome di Miguel Moises. Dopo una breve ricerca su internet ho scoperto che l’uomo in questione conosceva Giovanni Vigarani, figlio del tenore recanatese, e che in occasione del suo compleanno Moises lo aveva incontrato per fargli gli auguri e mostrargli le stesse foto che ora sono sulla tomba di Gigli. Ho anche chiamato Vigarani che mi ha confermato di conoscerlo ma di non sapere della sua morte. A quel punto - spiega Trucchia - ho ipotizzato che quell’urna appartenesse a un estimatore del tenore che prima di morire, aveva espresso il desiderio di riposare sulla tomba di Gigli». 

L’ipotesi più accreditata è, infatti, che le ceneri appartengano a Moises e che si tratti dell’uomo fotografato con le immagini di Gigli alle spalle. Resta da capire, però, chi abbia portato l’urna sulla tomba del tenore, anche perché le ceneri non possono restare incustodite. «Come presidente dell’associazione è motivo d’orgoglio nel vedere quanto sia ancora amato Gigli. Ho però avvisato subito il sindaco e la polizia locale per sistemare la situazione». 

Sul posto sono intervenuti gli agenti con la comandante Gabriella Luconi. «Quanto ritrovato - dice la comandante - al momento è custodito in Comune nel rispetto della pietas umana. Intanto proseguiamo le indagini per trovare chi abbia portato le ceneri a Recanati».

Ultimo aggiornamento: 12:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA