Il sindaco Michelini e il vice Casali rigettano le accuse di Sabbatini: «Nessun errore, gli ingredienti del brodetto erano giusti»

Il sindaco Michelini e il vice Casali rigettano le accuse di Sabbatini: «Nessun errore, gli ingredienti del brodetto erano giusti»
Il sindaco Michelini e il vice Casali rigettano le accuse di Sabbatini: ​«Nessun errore, gli ingredienti del brodetto erano giusti»
3 Minuti di Lettura
Martedì 26 Luglio 2022, 04:20

PORTO RECANATI - «Conosciamo bene la ricetta del brodetto. La comunicazione comunale non contiene errori». Rimandano le accuse al mittente il sindaco, Andrea Michelini, e il suo vice, nonché assessore al Turismo Giuseppe Casali. I due amministratori intervengono dopo le critiche della consigliera del Centrodestra unito, Angelica Sabbatini, che condannava «l’utilizzo di immagini improprie che ritraggono il brodetto con ingredienti che non dovrebbero essere utilizzati. Visto che l’amministrazione ha istituito il registro Deco - aveva detto - la ricetta deve essere seguita ed illustrata nella maniera giusta». 


Secondo Casali «nelle brochure comunali, il brodetto portorecanatese viene ritratto con le 13 varietà di pesce iscritte nella ricetta e non ci sono gli errori di cui parla la consigliera». Incalza anche il primo cittadino che sottolinea «l’importanza di pubblicizzare la ricetta dell’Accademia del Brodetto e contenuta all’interno del registro Deco. Noi lo abbiamo istituito e noi ci stiamo impegnando a portare avanti la ricetta nella giusta tradizione. Tutto quello che viene fatto fuori dalla nostra attenzione al piatto non ci riguarda. Siamo portorecanatesi e conosciamo bene quali sono le tradizioni della nostra città, così come la ricetta del brodetto». 


Il sindaco replica alla consigliera Rosalba Ubaldi sulle critiche relative alla piazzetta Carradori. «Queste dichiarazioni populiste lasciano il tempo che trovano - dice Michelini -. Sull’illuminazione della piazzetta forse Ubaldi dimentica che il palo centrale che la illuminava lo ha tolto lei 25 anni fa per costruire al suo posto una fontana con un fico d’india al centro. Proprio oggi (ieri, ndr) avremo il rendering per l’illuminazione perché, nonostante sia stata aperta la piazza, ci vorrà del tempo per terminare piccoli accorgimenti, chi ha amministrato dovrebbe saperlo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA