Ancora vandalismi al parco Europa, i residenti esasperati: «E' la quarta volta in meno di dieci mesi»

La casetta dei libri danneggiata dai vandali
La casetta dei libri danneggiata dai vandali
di Alessandra Bastarè
2 Minuti di Lettura
Martedì 13 Ottobre 2020, 06:55

PORTO RECANATI - Nuovi atti vandalici nel Parco Europa nell’omonimo quartiere di Porto Recanati: la segnalazione giunge ancora dai cittadini che, ormai rassegnati, spiegano che «non è più possibile andare avanti così».

«Per la quarta volta, a nemmeno dieci mesi di distanza dalla sua inaugurazione, qualcuno è tornato a prendersela con la casetta dei libri – spiegano i rappresentanti del comitato Quartiere Europa che hanno segnalato sui social gli atti vandalici ai danni della struttura installata nel parco del quartiere -. Questa volta oltre a rompere i vetri ha provato a sollevarla da terra, sconquassandola un pochino. Gli sportelli non si chiudono più bene come prima e tutta la struttura è malferma».
«A certe persone quello che è cultura (i libri in questo caso) dovrebbe stargli sullo stomaco, senza che neppure si rendano conto quanto loro stiano sullo stomaco a noi - concludono i residenti del quartiere della città costiera-. Rompono cose senza nemmeno sapere che sono anche le loro. Il vetro è stato rattoppato ma è pur vero che non è possibile andare avanti in questo modo. Cosa possiamo fare? Ci arrendiamo? Togliamo la casetta del libro prima di dare la soddisfazione a questi quattro imbecilli di sradicarla e gettarla in mare?».
Un atto vandalico che arriva a una settimana di distanza da azioni simili quando nel Parco Europa erano state danneggiate alcune luci ed era stata di mira sempre la casetta del libro. In quell’occasione i residenti avevano chiesto «una presenza assidua sulla piazza dei cittadini, della polizia locale e delle forze dell’ordine in generale, oltre che l’installazione di alcune telecamere, così come richiesto dal Quartiere Europa». Il sindaco Roberto Mozzicafreddo ha già avviato l’iter per la stipula ufficiale del regolamento del servizio di Cittadinanza Attiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA