Urta un'auto, la scaraventa contro i paletti e fugge, la Polizia trova il proprietario: alla guida c'era il fidanzato della figlia

Giovedì 18 Novembre 2021
Urta un'auto, la scaraventa contro i paletti e fugge, la Polizia trova il proprietario: alla guida c'era il fidanzato della figlia

PORTO RECANATI - Nella serata del 13 Novembre, nel pieno centro del Comune di Porto Recanati, un’auto condotta da un sessantenne veniva violentemente urtata nella fiancata posteriore sinistra da una Nissan Qashqai, andando ad urtare contro dei paletti di ferro che delimitano la strada. Il conducente della Nissan si dava alla fuga senza verificare le condizione dell’altro conducente per prestar eventuale soccorso.
La polizia ha ascoltato un testimone ed il conducente dell'auto pirata, ma entrambi ricordavano solo prizialmente la targa dell'auto pirata. Partendo dai dati parziali della targa, gli agenti si sono messi ad effettuare una ricerca a tappeto e dopo alcune ore hanno rintracciato un veicolo dello stesso tipo di quello in fuga, palesemente incidentato, parcheggiato in una via del centro del comune di Porto Recanati. I danni risultavano perfettamente compatibili con quanto avvenuto e quindi, rintracciato tramite banca dati, il proprietario veniva contattato telefonicamente. Lo stesso  riferiva di aver affidato la propria auto, Nissan Qashqai, alla figlia la quale, a sua volta, raccontava di aver prestato l’auto al suo fidanzato, di cui forniva generalità ed utenza telefonica. Quest’ultimo, contattato più volte, è risultato irreperibile. Il giorno seguente, però, si presentava spontaneamente presso gli uffici della Polizia Stradale, accompagnato dal proprietario del veicolo per verbalizzare le proprie responsabilità. Gli veniva infine applicata una sanzione pecuniaria di oltre Euro 300, con sottrazione di 4 punti dalla patente di guida per non essersi fermato dopo aver procurato il sinistro, fortunatamente rivelatosi solo con danneggiamento a cose e senza lesioni alle persone.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA