Il danno e la beffa: ubriaco sferra un calcio all'auto dei carabinieri. Cade, si rompe il ginocchio ed è denunciato

Mercoledì 24 Giugno 2020
Porto Recanati, il danno e la beffa: ubriaco sferra un calcio all'auto dei carabinieri. Cade, si rompe il ginocchio ed è denunciato

PORTO RECANATI - Sferra un calcio all’auto dei carabinieri in piazza Brancondi. Perde l’equilibrio, cade e si rompe un ginocchio. Protagonista dell’episodio choc il 23enne italo-tunisino poi denunciato dai militari che ha scatenato il caos a Porto Recanati nella notte tra sabato e domenica.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, altri due nuovi positivi nelle Marche, ma ne saltano fuori altrettanti dall'Hotel House/ I test effettuati in tutta Italia in tempo reale

Maxi operazione contro la cosca della 'Ndrangheta: arresti anche a Pesaro

Il raptus del giovane, su di giri molto probabilmente per via dell’alcol, è stato immortalato dai telefoni cellulari dei presenti. Il ragazzo dovrà essere sottoposto a un intervento chirurgico. Determinante l’intervento dei militari dell’Arma, che sono riusciti a fermarlo prima che la situazione degenerasse ulteriormente.
 
Sabato scorso controlli a tappeto da parte delle forze dell’ordine, con una operazione congiunta, anche a Macerata. In azione c’erano gli agenti della polizia locale, la polizia e i carabinieri. Controlli anche in borghese tra i locali e le strade più frequentate del centro città. Gli agenti della polizia municipale hanno elevato sanzioni per automobili parcheggiate in divieto di sosta. Tre, invece, i verbali per chi non ha rispetto l’ordinanza del sindaco Romano Carancini che vieta l’asporto del vetro e una è scattata nei confronti di una persona che è stata sorpresa ad urinare in mezzo alla strada, in un vicolo del centro. Sempre nella notte qualcuno si è introdotto all’ex scuola Alighieri, in via Giuliozzi, e ha lanciato un banco dalla finestra. A Civitanova, infine, diversi interventi della polizia a causa degli assembramenti.

Ultimo aggiornamento: 12:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA