Aggredisce e rapina un tabaccaio per avere i soldi da giocare: chiede di patteggiare dopo il centro di recupero

Mercoledì 23 Settembre 2020
Pollenza, aggredisce e rapina un tabaccaio per avere i soldi da giocare: chiede di patteggiare dopo il centro di recupero

POLLENZA - Rapinato prima di entrare in banca per depositare i soldi, i dipendenti dell’istituto di credito erano intervenuti e avevano inseguito il rapinatore: un operaio di Camerino di 51 anni affetto da ludopatia. Almeno all’epoca (2017). Il suo legale ha chiesto di procedere con rito abbreviato condizionato all’audizione della persona offesa e alla produzione di documenti che attestino il percorso di riabilitazione effettuato dall’imputato. L'uomo infatti ha frequentato regolarmente un gruppo di auto aiuto

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, nelle Marche si torna a morire: la vittima è la ristoratrice che si era aggravata

Coronavirus, sette positivi e 30 in isolamento. Il sindaco: «Quasi tutti ragazzi, state distanziati e usate le mascherine»

La rapina risale al 29 dicembre del 2017. Erano circa le 11.30 quando il titolare di un alimentari-tabaccheria a Casette Verdini, era uscito dal negozio per andare in banca a depositare i soldi, 400 euro. Era quasi arrivato all’istituto di credito quando si era sentito coprire gli occhi e prendere da dietro. All’inizio il commerciante aveva pensato a uno scherzo, poi però entrambi erano caduti a terra e il rapinatore aveva preso il portafoglio ed era scappato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA