Accusò l’amico dell’omicidio di Sarchiè, Giuseppe Farina condannato per calunnia

Giuseppe Farina
Giuseppe Farina
di Benedetta Lombo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Maggio 2021, 09:10

MACERATA - Accusarono l’amico imprenditore di Castelraimondo, Santo Seminara, di essere stato lui a uccidere il commerciante di pesce sambenedettese Pietro Sarchiè, pur sapendolo innocente. Per padre e figlio di 47 e 26 anni, Giuseppe e Salvatore Farina ieri c’è stata la sentenza: il giudice Daniela Bellesi ha assolto il figlio Salvatore dall’accusa di calunnia, mentre ha condannato il padre per lo stesso reato a un mese di isolamento diurno in continuazione con la pena dell’ergastolo. 

Una marchigiana nel salotto di Barbara D'Urso: «Il padre di mia figlia è il Principe di Monaco»

Lo sciame sismico scuote l'Adriatico: soltanto oggi tre scosse di terremoto in mezzo al mare

Giuseppe e Salvatore Farina sono stati infatti condannati in via definitiva rispettivamente all’ergastolo e a 20 anni di reclusione per aver ucciso Pietro Sarchiè il 18 giugno del 2014. Nel processo che si è chiuso ieri invece, entrambi erano sul banco degli imputati con l’accusa di calunnia. Secondo la ricostruzione accusatoria – il fascicolo è del sostituto procuratore Stefania Ciccioli –, tra marzo del 2015 e febbraio 2016 in più occasioni padre e figlio avevano dichiarato agli inquirenti che ad uccidere il commerciante di pesce sambenedettese era stato Seminara (condannato lo scorso ottobre a tre anni e sei mesi per favoreggiamento, aveva messo a disposizione di Giuseppe Farina il capannone della propria ditta per smembrare il furgone di Sarchiè subito dopo il delitto, ndr).  Poi padre e figlio avevano ritrattato quelle dichiarazioni.

La procura aveva chiesto per entrambi la condanna a tre anni e mezzo di reclusione, ma il giudice ha assolto Salvatore Farina e condannato il padre in continuazione con la pena dell’ergastolo a un mese di isolamento diurno. I Farina sono difesi dagli avvocati Francesco Voltattorni e Felice Franchi, ieri sostituiti dal collega Vanni Vecchioli.


Pietro Sarchiè era scomparso il 18 giugno del 2014. Quella mattina si era svegliato molto presto, era andato a rifornirsi di pesce ed era partito alla volta del Maceratese. Da anni infatti vendeva il pesce ai tanti clienti storici che aveva nei comuni dell’entroterra. Quella mattina però, i suoi clienti non lo videro arrivare. Sparì nel nulla. Per giorni di lui non si ebbero più notizie, la moglie Ave Palestini e i figli Jennifer e Yuri iniziarono a cercarlo ovunque, arrivarono fino a Roma perché inizialmente un indizio (poi rivelatosi errato) portava lì. Poi il 5 luglio il tragico ritrovamento: il cadavere semicarbonizzato del commerciante fu trovato sotterrato vicino ad una chiesa sconsacrata a San Severino, in località Valle dei Grilli. Sul corpo fori di proiettile e un colpo alla nuca. A ucciderlo furono Giuseppe e Salvatore Farina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA