Coronavirus, l'oncologo Mariani: «Esco da un incubo, ora voglio soltanto tornare dai pazienti»

Lunedì 6 Aprile 2020
L'oncologo David Mariani
CIVITANOVA - «Non vedo l’ora di tornare dai miei pazienti e dai miei colleghi per dare una mano; se tutto è finito bene, lo devo ai medici e alla vicinanza della mia famiglia che mi è sempre stata vicina». David Mariani, medico oncologo civitanovese della Clinica Villa dei Pini ed ex consigliere comunale, sta attendendo gli esiti dei due test effettuati a distanza di 24 ore per sapere se è guarito dal coronavirus Covid-19. I risultati sono attesi per oggi. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, altri 14 morti nelle Marche, il più giovane di 52 anni senza patologie pregresse /I dati provincia per provincia in tempo reale

«Il primo test l’ho fatto esattamente tre settimane fa; era domenica 15 marzo quando ho iniziato ad avere un po’ di febbre e quindi ho deciso di sottopormi al tampone che ha dato esito positivo – ricorda il noto oncologo -. Mi sono messo in isolamento in una zona della casa e non ho avuto rapporto con i miei familiari per tutto il tempo. La febbre però non scendeva mai e il 25 marzo è arrivata quasi a 39, quindi sono stato ricoverato nella Clinica dove lavoro, divisa in settori grazie a una capacità organizzativa massima e a un eccellente lavoro di squadra, fino al 30 marzo». «Come mi sono tenuto impegnato nei giorni di isolamento? Dopo che si è saputo del mio contagio ho ricevuto circa 1400 tra messaggi e chiamate e quindi avevo il tempo per rispondere – sorride il dottore -. Poi c’è stata la “vicinanza” della mia famiglia, e soprattutto di mia moglie che è stata fantastica». 

LEGGI ANCHE: La direttrice di Virologia di Torrette, Bagnarelli: «Il virus non sopravvive in acqua: bagni consentiti»

Ma lo sguardo di Mariani è rivolto soprattutto al futuro. «Ora voglio però tornare dai miei colleghi - conferma -; venerdì e sabato ho fatto i due tamponi per capire se sono guarito e sto attendendo in risultati sperando di poter tornare il prima possibile a lavoro. Questa emergenza ci ha messo davanti a una considerazione sulla sanità che è soprattutto una constatazione di uno stato di fatto. Negli ultimi vent’anni essa è stata completamente depauperata dalla politica con tagli su tagli».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA