Appena allattato non respira più per un rigurgito: cianotico in ospedale. Paura per un bimbo di due mesi

Mercoledì 22 Gennaio 2020
Montecosaro, appena allattato non respira più per un rigurgito: paura per un bimbo di due mesi

MONTECOSARO - Per un rigurgito in culla, un neonato è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Salesi di Ancona. Ora si trova ricoverato sotto costante osservazione da parte dei medici dorici. Il piccolo è un bimbo di due mesi ed è nato in Italia da una famiglia pakistana residente a Montecosaro

LEGGI ANCHE:
Ladri si intrufolano in una villetta, il cane si sveglia e li mette in fuga

«Fate un’offerta per i bimbi poveri». Ma la sordomuta era una truffatrice

L’allarme è scattato l’altra sera, pochi minuti dopo le 22, quando una mamma e un papà si sono recati di corsa, a bordo della loro macchina, al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova Alta, con in braccio il loro bimbo di appena due mesi. Secondo quanto hanno raccontato agli operatori, la mamma soltanto pochi minuti prima aveva allattato il suo piccolo, poi lo aveva messo a dormire nella sua culletta. Di lì a poco, purtroppo, la drammatica scoperta. Poco dopo averlo messo nel lettino, infatti, la donna è tornata in camera per guardare il figlioletto e controllare se stesse dormendo tranquillo. Ma si è accorta immediatamente che qualcosa nel bimbo non andava. Il piccolino, infatti, sembrava non respirare. Quando sono arrivati presso la struttura il loro piccolo aveva il volto cianotico. Al pronto soccorso civitanovese, scesi dai vari reparti ai piani superiori dell’ospedale, sono arrivati i medici specialisti. Il neonato è stato subito sottoposto alle varie manovre rianimatorie e, infatti, si è subito ripreso grazie all’intervento rapido ed efficace dei dottori dell’ospedale; ma, considerata la gravità della situazione, è stato disposto il trasferimento immediato all’ospedale di Ancona. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA