Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dodicenne colpito ad una gamba durante una partita: aperto il processo per un ragazzo che ora ha 23 anni

Colpito ad una gamba durante una partita
Colpito ad una gamba durante una partita
2 Minuti di Lettura
Domenica 27 Febbraio 2022, 06:50

MONTECASSIANO  - Gioca a calcio con gli amichetti, poi arrivano dei ragazzi più grandi, viene colpito a una gamba da un 18enne e finisce in ospedale con una frattura biossea alla gamba destra. Si è aperto il processo a carico di un 23enne domiciliato a Montecassiano. I fatti invece risalgono al 2017 quando l’imputato aveva 18 anni e il ragazzino ferito appena 12. 


Quel giorno (era il 16 settembre) il 12enne era al campetto di Vallescia con degli amici coetanei con i quali stava giocando a calcio. Poi, secondo quanto denunciato all’epoca dalla vittima, sarebbero arrivati tre maggiorenni che avrebbero insistito per giocare anche loro e durante la partita uno di questi aveva colpito il 12enne con un violento calcio sotto il ginocchio. Il ragazzino era rimasto a terra dolorante per poi essere trasportato immediatamente al pronto soccorso dove i medici gli riscontrarono una frattura biossea della gamba destra trattato con fissatore esterno. La prognosi fu di 217 giorni. Venerdì si è aperto il processo a carico del 23enne, accusato di lesioni aggravate dinanzi al giudice monocratico Francesca Preziosi e al pubblico ministero Stefano Lanari. 


L’imputato è difeso dall’avvocato Francesco Nigrisoli del foro di Fermo, i genitori del ragazzo si sono costituiti parte civile con l’avvocato Renato Fortuni. Dopo l’apertura del processo l’udienza è stata rinviata per sentire i primi testimoni indicati dall’accusa. Resta dunque da seguire l’evolversi della vicenda giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA