Una nuova casa per Helvia Recina Soccorso: «Opereremo al fianco dei cittadini»

Una nuova casa per Helvia Recina Soccorso: «Opereremo al fianco dei cittadini»
Una nuova casa per Helvia Recina Soccorso: «Opereremo al fianco dei cittadini»
di Luca Patrassi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Marzo 2022, 09:40

MONTECASSIANO -  Taglio del nastro per la nuova sede in via del Commercio in località Piane di Potenza, di fronte all’hotel Recina, dell’associazione Helvia Recina Soccorso. Tra i presenti la presidente della commissione Sanità della Regione Elena Leonardi, il vicepresidente del consiglio regionale Gianluca Pasqui, gli assessori alla Protezione civile di Montecassiano e Macerata, rispettivamente Barbara Vecchi e Paolo Renna, il presidente dell’Unione montana Monti Azzurri Giampiero Feliciotti e i protagonisti del sodalizio, i 50 volontari, guidati dalla presidente Antonella Scarponi.


«Lo scopo dell’associazione è aiutare la popolazione, in particolare ci rivolgiamo ai territori della vallata del Potenza (penso a Montecassiano, Treia e Appignano) che oggi, per i servizi di emergenza, sono seguiti da Macerata, con tempi di intervento maggiori di quelli che si avrebbero partendo da Montecassiano. La nostra - rileva la presidente e medico di base Antonella Scarponi - è un’organizzazione di volontariato, registrata al registro unico regionale, che ha un comparto sanitario e uno di protezione civile: stiamo ottenendo l’autorizzazione ai trasporti sanitari e l’accreditamento regionale per poi partecipare all’interpello ed arrivare alla convenzione e con l’Asur per i trasporti sanitari in emergenza. Siamo 50 volontari, tutti formati per le attività cui siamo chiamati, che hanno l’obiettivo di aiutare il prossimo: nessuno spirito di concorrenza con le altre associazioni di volontariato, anzi di collaborazione. All’inaugurazione della sede c’era infatti un equipaggio della Croce Verde di Macerata e la presidente della Croce Rossa provinciale Rosaria del Balzo Ruiti ci ha inviato un messaggio di auguri». 


Anche la dotazione di mezzi è in linea con lo scopo che si prefigge Helvia Recina Soccorso (oltre alla presidente Scarponi altri protagonisti sono il vicepresidente Alberto Nardi e Stefano Carnevali, responsabile della protezione civile): «Quattro ambulanze, due per i servizi di emergenza di tipo A e due per gli altri interventi, un’auto sociale per il trasporto disabili e delle persone in difficoltà , fuoristrada, un gommone, un mezzo spazzaneve, tende per eventuali calamità naturali, una cucina mobile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA