A Macerata stop ai writers, prezzi calmierati per ripulire i palazzi: convenzione tra Comune e una ditta specializzata

Stop ai writers, prezzi calmierati per ripulire i palazzi: convenzione tra Comune e una ditta specializzata
Stop ai writers, prezzi calmierati per ripulire i palazzi: convenzione tra Comune e una ditta specializzata
di Mauro Giustozzi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Novembre 2022, 01:50

MACERATA - Lotta senza quartiere ai writers, a chi sporca i muri della città con disegni e scritte, mentre partono i primi interventi di ripulitura delle case imbrattate, in particolare nel centro storico. Questo grazie anche alla convenzione che il Comune ha sottoscritto con una ditta specializzata che consente ai privati di accedere a prezzi calmierati a tale servizio.

C’è interesse ad accedere a questa opportunità da parte dei maceratesi, al punto che all’Ufficio Ambiente che si occupa di gestire questa convenzione sono arrivate già diverse richieste ed anche numerose telefonate per chiedere informazioni.
«Oggi (ndr. ieri) sono partiti i lavori nel primo grande condominio della città che ha aderito a questa opportunità creata dalla nostra amministrazione - dice Paolo Renna, assessore a Sicurezza e Decoro - e si tratta dell’edificio di Galleria del Commercio, con versante anche su vicolo Ferrari. E’ una delle prime adesioni alla ripulitura da parte di un grande condominio, peraltro anche uno tra i palazzi che sono stati più bersagliati da parte dei writers. Che si inizi da Galleria del Commercio rappresenta pure un segnale del decoro che vogliamo restituire alla città e credo che sia anche da stimolo in futuro per chi ancora deve decidere se utilizzare questo strumento per la ripulitura dei muri delle abitazioni che il Comune ha varato grazie a questa convenzione. Oltre a questo grande condominio sono giunte altre richieste ai nostri uffici, in particolare da residenti del centro città ma io auspico che anche da via Mozzi arrivino interessamenti, che spero possano andare in porto per far sì che in breve il volto di Macerata possa essere sempre più decoroso e pulito». L’intervento prevede al momento la completa ripulitura delle pareti esterne del palazzo e successivamente i lavori si sposteranno anche lungo la parte interna di Galleria del Commercio, quella che presenta le scale che portano in via Armaroli dove pure campeggiano disegni e scritte che hanno imbrattato le pareti del percorso pedonale. 


Per intervenire nelle opere di ripulitura da disegni e scritte che compaiono in molte zone del centro storico, ma anche di corso Cairoli e Cavour, il Comune ha sottoscritto una convenzione con una ditta specializzata, la Amr Group Srl di Trieste, per la rimozione dei graffiti, con prezzi vantaggiosi. Per incentivare maggiormente i cittadini, l’amministrazione comparteciperà alla spesa di ripulitura sostenuta dal privato per la quota del 30 per cento. La soglia economica massima totale di intervento è pari a 40.000 euro con la compartecipazione dell’amministrazione comunale al costo di ripulitura dell’immobile del privato pari al 30% della spesa effettuata dal cittadino, su un massimale pari a 3.000 euro per singolo intervento, previa rendicontazione e fatturazione per un massimo di 12.000 euro totale. Per gli edifici di proprietà pubblica, la possibilità per gli enti proprietari di usufruire del servizio offerto dalla ditta ai prezzi indicati in convenzione, senza la compartecipazione comunale alla spesa sostenuta. Si tratta di prezzi assolutamente concorrenziali e favorevoli che abbattono la spesa di almeno il 60%. Infatti la ripulitura di un metro quadro di muro oscilla tra i 52-60 € mentre viene offerta al prezzo di 19-25 euro.

Nella convenzione tra le altre clausole vi è l’obbligo per la ditta ad applicare prezzi ribassati ed estremamente competitivi ed attivare il servizio dietro presentazione della domanda del cittadino proprietario o titolare di altro diritto reale di godimento (per i condomini dall’amministratore condominiale) effettuata su apposito modello da inviare al Comune di Macerata. Di pari passo prosegue la lotta senza tregua a coloro che si divertono ad imbrattare muri e abitazioni del capoluogo. «Chi scrive o disegna su muri non è un artista ma una persona che commette un reato e deturpa la città – conclude l’assessore Paolo Renna - e non è vero che se la cava perché agisce magari di notte ed in luoghi poco frequentati. Ricordo a tutti che, grazie alla volontà di questa giunta ed all’opera della Polizia locale, siamo riusciti a risalire nei mesi scorsi ad un ragazzo abruzzese che aveva imbrattato le facciate di un palazzo del centro storico. Su questa linea non faremo passi indietro: nessuna tolleranza per chi imbratta i muri di Macerata, perché il danno che si arreca riguarda tutta la comunità». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA