Violenza sessuale dopo la serata tra amici su una studentessa di 22 anni: a processo un 28enne

Mercoledì 9 Settembre 2020 di Benedetta Lombo
Violenza sessuale dopo la serata tra amici su una studentessa di 22 anni: a processo un 28enne

MACERATA - Trascorrono la serata con amici tra alcol e risate, la mattina dopo lei si sveglia e scopre di aver avuto un rapporto sessuale con un giovane della comitiva. Lui, 28enne originario di un paese dell’Abruzzo, ora è sotto processo per il reato di violenza sessuale. Tutto è avvenuto a marzo del 2018. La giovane che ha denunciato i fatti alla polizia, è una studentessa universitaria dell’Ascolano di 22 anni. 

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, crescono i nuovi positivi: nelle Marche sono 19. Nessuna provincia a zero/ I numeri del contagio

Velocità e alcol, è omicidio stradale: due indagati per il medico morto sulla Mezzina dopo il turno in ospedale

La studentessa, dopo circa una settimana dall’accaduto si è presentata in questura a Macerata e agli agenti della Squadra Mobile ha raccontato quello che era accaduto, o almeno quello che ricordava della sera in esame. La 22enne era uscita con due coinquiline per festeggiare insieme la Festa della donna. Erano state in un bar del centro storico dove avevano bagnato le loro confidenze con dell’alcol, tre bicchierini a testa di rum.
 
Poi erano uscite e a piedi avevano raggiunto un altro bar dove ognuna di loro aveva ordinato e buttato giù un altro bicchierino di rum. La serata però non era finita lì, le tre ragazze erano tornate nel bar dove erano state all’inizio e lì avevano incontrato tre giovani con cui si erano fermate a chiacchierare. A quel punto l’alcol ha preso il sopravvento. La 22enne ha raccontato alla polizia che i giovani si erano proposti di offrire loro da bere qualcosa: tre Montenegro e due bicchierini di vodka a testa. Con l’alcol in circolo e i sensi annebbiati il gruppo era tornato al secondo bar e lì erano stati i giovani a prendere da bere per sé.

L’udienza
Alla polizia la studentessa ha riferito che da quel momento non ricordava più niente. Nella tarda mattinata del giorno successivo si era svegliata nuda nel proprio letto con uno dei giovani conosciuti la sera prima disteso accanto a lei. Era stato il 28enne a confermarle che quella notte avevano consumato un rapporto sessuale completo. Ieri mattina si è aperto il processo collegiale a carico del giovane difeso dall’avvocato Emidio Corradetti. La studentessa è tutelata dall’avvocato Simona Tacchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA