Macerata, sospeso l'infermiere finito
sotto accusa per la violenza sessuale

Martedì 17 Luglio 2018
Macerata, sospeso l'infermiere finito sotto accusa per la violenza sessuale

MACERATA - Violenza sessuale in ospedale, disposto l’allontanamento immediato dell’infermiere dal servizio. La sospensione cautelare del dipendente, è stata disposta dal direttore dell’Area Vasta 3, Alessandro Maccioni, con un’apposita determina pubblicata ieri pomeriggio sull’albo pretorio informatico e ha una durata di 30 giorni. «L’ho allontanato in via cautelare – ha spiegato Maccioni – per tutelare l’incolumità delle persone e garantire il regolare svolgimento dell’attività assistenziale. Non posso tenere un dipendente accusato di stupro all’interno di un reparto ». Parallelamente, dopo la segnalazione della Squadra Mobile alla Procura, il pubblico ministero di turno, il sostituto procuratore Enrico Riccioni, ha aperto un fascicolo a carico dell’infermiere. I poliziotti hanno posto sotto sequestro i cellulari sia della giovane che ha denunciato di essere stata violentata, una trentenne della provincia, sia dell’infermiere, di diversi anni più grande.

© RIPRODUZIONE RISERVATA