L’ultimo saluto a Lele, il talento del nuoto morto causa Covid a 17 anni: i compagni lo ricordano con un video

Venerdì 14 Gennaio 2022
L ultimo saluto a Lele, il talento del nuoto morto causa Covid a 17 anni: i compagni lo ricordano con un video

MACERATA  - Questa mattina alle 10, nella chiesa Santa Madre di Dio, a Macerata, l’ultimo saluto a Emanuelle Alessandro Pandele. Nel capoluogo i funerali del ragazzo di 17 anni di Montecassiano, deceduto lunedì sera nel reparto di rianimazione dedicato ai pazienti Covid dell’ospedale di Torrette, ad Ancona.

 

Il virus si era aggiunto ad una rara malattia autoimmune di cui soffriva da qualche mese ed il suo fisico, nonostante fosse un talento nel nuoto, non ce l’ha fatta. Da quando la notizia della sua scomparsa si è diffusa tra i suoi compagni di scuola e sul gruppo del Centro Nuoto Macerata dove era stato tesserato fino all’anno scorso, per i suoi coetanei sono stati giorni di dolore. Un dolore che, per essere contenuto, si è trasformato nella voglia di ricordare Lele - come tutti lo chiamavano - in qualsiasi modo. I compagni di classe hanno preparato uno striscione da portare in chiesa oggi. Sulla pagina Facebook dell’Ipsia Corridoni di Corridonia, dove frequentava il secondo anno di Meccanica, è stato pubblicato un video in cui gli studenti ricordano il suo modo di fare.

«Ciao Lele - iniziano - . Ti ricordiamo come un ragazzo scherzoso, con la voglia di farci ridere - dice uno studente - e ci dispiace che non abbiamo potuto salutarti un’ultima volta». «Estremamente estroverso e solare - dice un’altra campagna di scuola -, pronto a dialogare su tutto, anche degli argomenti più scomodi. Di te ricordo la creatività e il tuo modo di disegnare». «Un grande amico». È ciò che tutti, indistintamente, hanno detto in questi giorni in cui i ricordi hanno preso il sopravvento. Per diventare indelebili, però, gli studenti li hanno caricati in un Padlet: una bacheca virtuale sulla quale hanno condiviso immagini e pensieri in una sorta di parete a cui hanno “appeso” ciò che resta del loro caro amico.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA