Macerata, partita la distribuzione di borracce, erogatori gratuiti d’acqua in ateneo

Mercoledì 20 Novembre 2019 di Luca Patrassi
MACERATA - Diverse centinaia di studenti ieri pomeriggio nella biblioteca d’Ateneo Casb per l’inaugurazione della mostra della National Geographic che ha dato il via alla due giorni di iniziative assunte da Unimc e da Fratelli Guzzini nell’ambito di un progetto legato alla ricerca e alla sostenibilità ambientale. Ieri il debutto con una importante mostra (visitabile fino al 16 dicembre) che racconta la storia della plastica dalla sua invenzione ad oggi: un percorso che si snoda in 70 immagini di forte impatto emotivo. Sempre ieri Unimc ha iniziato la distribuzione gratuita delle borracce in acciaio realizzate ad hoc da Fratelli Guzzini: un passo di un itinerario ideale verso il “plastic free” che ha già portato l’ateneo alla installazione di erogatori gratuiti di acqua in molte delle nelle sedi di maggiore frequentazione che sono la biblioteca d’ateneo, i dipartimenti di Giurisprudenza e di Economia, il Polo Pantaleoni. 

Ieri la mostra ed oggi un convegno, in collaborazione con Confindustria, che vedrà protagonista – l’appuntamento è per le 9.30 sempre negli spazi del Casb in piazza Oberdan – il custode vicario del sacro convento di Assisi padre Domenico Paoletti promotore di “una ecologia integrale come sintesi vivente fra tutte le sue dimensioni, in linea con l’insegnamento francescano e con la seconda enciclica di Papa Francesco”. Unimc ha anche organizzato un concorso, “L’umanesimo che innova”, per gli studenti delle superiori sui temi della sostenibilità ambientale e dell’economia circolare. Con video, immagini, disegni, applicazioni, giochi virtuali ed altri strumenti di apprendimento digitali, gli studenti dovranno illustrare possibili azioni di comunicazione e sensibilizzazione per promuovere una corretta cultura ambientale. Il rettore di Unimc Francesco Adornato ribadisce il concetto di umanesimo che innova: « Anche in questo caso attraverso l’Università nasce quel senso di responsabilità che ci fa comprendere che le sorti del pianeta dipendono da noi. Il progetto vuole sottolineare l’uso sostenibile della plastica monouso e dobbiamo proseguire, con il nostro lavoro, su questa scia, nel segno della consapevolezza e della partecipazione. Unimc si dimostra, ancora una volta, amica del pianeta». 

«Lo scopo dell’iniziativa – ha rilevato Domenico Guzzini, presidente della Fratelli Guzzini - è quello di far iniziare a cambiare atteggiamento e comportamento ai giovani che andranno a gestire le aziende del domani e il nostro futuro. Eliminando le bottiglie e dando loro delle borracce in acciaio vogliamo garantire un minor utilizzo della plastica usa e getta. Educare quindi verso la sostenibilità: un percorso che non solo l’università ma anche le aziende devono portare avanti. Solo in questo modo possiamo preservare e aiutare il pianeta». Casb gremito come non mai con centinaia di studenti stipati (si direbbe come sardine se non si corresse il rischio di strumentalizzazioni in salsa bolognese) nelle diverse sale: oltre al rettore e all’imprenditore c’erano anche la rappresentante del consiglio degli studenti Giada Dalla Fiora, il direttore generale di Unimc Mauro Giustozzi e l’Ad di Frateli Guzzini Sergio Grasso. Ultimo aggiornamento: 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA