Raid in quattro abitazioni, sono spariti oro e contanti. I ladri sono riusciti anche ad aprire una cassaforte con un frullino

Un ladro in una foto d'archivio
Un ladro in una foto d'archivio
di Benedetta Lombo
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Dicembre 2021, 05:30 - Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre, 08:44

MACERATA - Raffica di furti a Macerata. I ladri mettono a segno quattro colpi, tre in periferia e uno nella frazione di Villa Potenza, uguale il modus operandi: l’effrazione della finestra. In un caso è stato utilizzato un frullino per aprire la cassaforte. Sono in corso le indagini degli agenti della Squadra Mobile.

Nelle scuole delle Marche 800 no vax, tra ferie e aspettative sarà incubo supplenze. Da oggi vaccino obbligatorio. Ecco le criticità

 
I colpi
I quattro colpi sono stati messi a segno tutti nel pomeriggio di lunedì approfittando dell’assenza dei proprietari. E infatti sono stati questi ultimi al loro rientro a casa a fare l’amara scoperta e a chiamare le forze dell’ordine, tra le ore 19 e le ore 23. Il primo a rientrare a casa e a trovare tutto a soqquadro è stato un residente di via Marchetti, la strada che si trova tra le trafficatissime vie di corso Cairoli e viale San Giovanni Bosco.

Erano circa le 19: oltre agli evidenti segni del passaggio dei ladri, dopo un controllo approfondito, è emerso che mancavano alcune migliaia di euro in contanti e dei monili in oro. La polizia è intervenuta nell’immediatezza per effettuare un sopralluogo e raccogliere informazioni su quanto avvenuto.

A seguire sono arrivate le richieste di aiuto. Gli agenti si sono diretti in via Fonte della Quercia in zona Pace dove hanno eseguito due sopralluoghi: in una prima abitazione dopo aver messo a soqquadro le stanze i malviventi (ma non è escluso che ad agire possa essere stato un solo ladro, ndr) sarebbero fuggiti senza riuscire a prendere nulla, nella seconda invece i ladri hanno rovistato un po’ ovunque per poi scappare con alcuni monili in oro. Infine, verso le 23 la segnalazione da via Borgo Peranzoni a Villa Potenza. In quel caso i ladri hanno trovato una cassaforte e l’hanno aperta utilizzando un frullino, all’interno c’erano dei monili e alcuni orologi.


In tutti e quattro i casi i ladri sono entrati attraverso l’effrazione della finestra: dopo aver praticato un forellino all’altezza della serratura con un trapano hanno inserito un ferro ricurvo col quale hanno agganciato e girato la maniglia riuscendo così ad entrare indisturbati. Come detto, in tutti e quattro i casi i colpi sono stati messi a segno approfittando dell’assenza dei proprietari.

Sono in corso le indagini della Squadra Mobile guidata dal commissario capo Matteo Luconi, a fornire elementi importanti potrebbero essere le immagini registrate dalle telecamere posizionate nelle immediate vicinanze delle abitazioni, sia dalle telecamere pubbliche installate dal Comune, sia quelle private di negozi, aziende o abitazioni. Gli agenti hanno raccolto anche diverse testimonianze.


L’attenzione
In particolare nei giorni che precedono il Natale quando in tanti escono per fare acquisti in vista delle feste, la raccomandazione è sempre quella di prestare molta attenzione. Oltre ai consigli classici di chiudere sempre a chiave la porta anche se per uscite brevi, di non tenere in casa grosse somme di denaro o gioielli di particolare valore e di lasciare accesa, eventualmente, una luce o una radio o un televisore, c’è anche quello di applicare dei fermi alle tapparelle, in questo caso per il ladro sarà impossibile tirarle su e forzare le finestre.

L’invito poi, è di non abbassare mai la guardia, neppure per chi vive nei piani più alti, non è raro che i malviventi utilizzino i tubi del metano che sono ben ancorati alle pareti per salire fino anche ai terzi piani. Su tutti, resta il consiglio più efficace, creare nel vicinato uno spirito di reciproco sostegno, segnalando e invitando a segnalare movimenti sospetti o passaggi di estranei nei pressi dell’abitazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA