Dehors, ecco il nuovo piano per negozi e locali: si partirà dal centro

Dehors, ecco il nuovo piano per negozi e locali: si partirà dal centro
Dehors, ecco il nuovo piano per negozi e locali: si partirà dal centro
4 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 07:45

MACERATA -  Raddoppio dei centri commerciali naturali in città, ingenti fondi regionali per progetti a sostegno delle attività commerciali nel Comune, regolamentazione e uniformità nei gazebo e dehors del centro storico e diverse manifestazioni come la festa dei fiori e lo street food destinate a toccare varie zone di Macerata. E’ un periodo molto impegnativo per l’assessore alle Attività produttive, Laura Laviano, che ha diversi dossier aperti tutti con la finalità di incrementare e sostenere le attività commerciali del capoluogo.

 

«La riapertura dei locali ex Upim è sicuramente una notizia importante per la città –esordisce Laura Laviano- e rappresenta un punto fermo che ci sarà dal prossimo autunno. Sarà una grande svolta per il centro storico riavere aperti quegli spazi. Come amministrazione stiamo lavorando su diversi fronti proprio per garantire risorse e sostegno alle attività commerciali. In questi giorni sono stata in Regione per il Grand Tour delle Marche dentro al quale ci sarà spazio ancora per Tipicità Evo.

La Regione Marche ha rilanciato un nuovo bando per i centri commerciali naturali cui noi parteciperemo individuando un’altra zona della città che potrà beneficiare di tali finanziamenti, che non sono enormi, parliamo di 70mila euro anche in questo secondo bando, ma che comunque contribuiranno al restauro, risanamento e ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente, pubblico e privato, destinato al commercio in sede fissa, somministrazione di alimenti e bevande, ricettività turistica, ristorazione, produzione e vendita di prodotti tipici. Il primo step lo abbiamo già sperimentato su corso Cairoli dove i risultati sono stati positivi e adesso, se riusciremo a vincere il bando, individueremo un’altra zona della città come secondo centro commerciale naturale». 


«La cosa più interessante, però, arriverà dopo l’estate, tra ottobre e febbraio: stiamo lavorando a dei progetti importanti che godranno di finanziamenti assai più ingenti europei, che arriveranno tramite la Regione, che ci permetterà di andare a coprire gran parte delle zone commerciali della città, periferie comprese». Un altro aspetto cui tiene molto l’assessore Laviano è quello di una rivisitazione della dislocazione ed un’uniformità dei dehors e gazebo che occupano il suolo pubblico, in particolare nel centro storico.

«Con il comandante della Polizia locale, Doria, intendiamo rivedere la collocazione e sistemazione delle occupazioni suolo pubblico di negozi, bar e ristoranti – afferma l’assessore alle Attività produttive -. Ci giungono di continuo richieste per allestire gli spazi fuori dai locali che devono avere un impatto urbanistico che eviti ci sia troppa difformità tra gazebo e dehors troppo diversi tra di loro. Lo faremo sicuramente in piazza Mazzini, dove vogliamo anche risistemare il parcheggio in modo da dare spazio a chi l’ha richiesto, restituendo un’immagine più decorosa alla porta di ingresso alla piazza. Esamineremo poi anche altre aree della città che necessitano di una riorganizzazione di questi spazi esterni che devono avere una loro uniformità integrandosi con l’architettura monumentale del centro». 


La programmazione dell’assessorato alle Attività produttive riguarda poi iniziative e manifestazioni che sono in programma nelle prossime settimane, ad iniziare da una festa dei fiori che sarà ospitata in città. «Il 22 maggio sarà la volta di “Expo Giardino” la mostra mercato di piante, fiori ed accessori da giardino che si terrà in corso Cairoli – ricorda Laviano -. L’evento rappresenta la prima rassegna in calendario che apre la bella stagione 2022 maceratese: tra i partecipanti a farla da padrone saranno i vivaisti e ditte di giardinaggio ma parteciperanno anche aziende di attrezzature ed accessori per vivere all’aria aperta, prodotti di erboristeria, biologici e di piccolo artigianato». 


«Cercheremo di coinvolgere i residenti con l’abbellimento floreale di balconi per dare anche un colpo d’occhio colorato all’evento. Per corso Cavour stiamo lavorando ad un’iniziativa simile ma che sarà calendarizzata a settembre e che avrà come tema la scuola e l’imminente ripresa del nuovo anno. Tornando alla bella stagione, invece, il 18 e 19 giugno i Giardini Diaz ospiteranno serate dedicate allo street food con cibo internazionale a cui stiamo vedendo di abbinare non solamente il consumo dei pasti ma anche un momento di approfondimento e riflessione sul cibo»

© RIPRODUZIONE RISERVATA