Preso con 14 dosi di droga in bocca, tunisino patteggia la pena e torna in libertà

Martedì 7 Dicembre 2021
Preso con 14 dosi di droga in bocca, tunisino patteggia la pena e torna in libertà

MACERATA  - Sorpreso con 14 dosi di droga nascosti in bocca, tunisino patteggia la pena e torna in libertà. Dopo due notti trascorse nella camera di sicurezza del commissariato di Civitanova, ieri mattina il 35enne tunisino, arrestato sabato scorso per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, è stato portato in Tribunale a Macerata per essere giudicato con rito direttissimo.

 

Davanti al giudice Francesca Preziosi e al pm Lorenzo Pacini, il pusher, in Italia senza fissa dimora e clandestino, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Dopo la convalida dell’arresto il 35enne, tramite il suo legale, l’avvocato Domenico Biasco, ha patteggiato con il pubblico ministero la pena di 10 mesi di reclusione beneficiando della sospensione della pena ed è tornato in libertà. Il tunisino era stato arrestato sabato pomeriggio dai poliziotti del commissariato di Civitanova diretto dal commissario capo Fabio Mazza.

Erano circa le 14 quando gli agenti lo avevano visto nei pressi dei giardini Cluana e lui, accortosi della presenza della pattuglia, era scappato. Dopo un breve inseguimento il giovane era stato bloccato, gli agenti erano riusciti a impedire che ingoiasse quello che aveva in bocca: 14 dosi, di cui nove di eroina e cinque di cocaina. A quel punto erano scattate le manette

© RIPRODUZIONE RISERVATA