La torre, il carosello e un caffè al bancone: così il centro riparte. Si rivedono anche i turisti dal Nord Italia

Lunedì 7 Giugno 2021 di Andrea Mozzoni
Turisti in piazza

MACERATA - L’accoglienza dei turisti a Macerata riparte dal ritrovato sorriso al bancone dei bar e all’interno dei ristoranti. In molti hanno scelto di visitare la città nel primo weekend di giugno, approfittando della colazione in centro storico prima dell’orario di prenotazione nei vari musei, oppure al termine, con un occhio all’orologio astronomico di piazza della Libertà e al caratteristico carosello dei Magi e l’altro all’aperitivo. Una prima fotografia di Macerata in vista della stagione estiva alle porte e della possibilità che proprio la data del 21 giugno possa coincidere con l’approdo delle Marche, numeri del contagio da Coronavirus permettendo, nell’attesa “zona bianca”. 

 

 
Distanziamento, mascherine e buona educazione intanto si sono palesati ai tavolini che s’affacciano sui luoghi simbolo della cultura maceratese, da Palazzo Buonaccorsi a Palazzo Ricci, dalla Torre Civica al Teatro Lauro Rossi, fino all’Arena Sferisterio. Nelle varie biglietterie, prima dei numeri ufficiali, la localizzazione delle varie provenienze può avvenire anche grazie ai vari accenti che si incontrano nei corridoi: cittadini marchigiani, su tutti, con la conferma del turismo da Lombardia e Veneto, mentre, per le visite in giornata, dalla vicina Puglia, principalmente dalla provincia di Foggia. A confermare la voglia di relax in centro dei maceratesi e degli stessi turisti sono proprio i baristi. Tra questi, Roberto Andreoli del Bar Mercurio: «Nel fine settimana si è notata la loro presenza - ha affermato -, abbiamo servito anche qualche straniero e soprattutto persone provenienti dal Nord Italia. Il caffè al bancone per qualcuno è stato un piacere ritrovato, anche se con le belle giornate si tende più a stare all’aperto, seduti all’ombra della Loggia dei Mercanti - ha aggiunto Andreoli -, la gente si è un po’ abituata e si sente più sicura, mentre nei mesi scorsi, con i vari temporali, la situazione è stata certamente più problematica. Le persone hanno riscoperto il piacere di venire in centro storico nonostante ci sia ora un fisiologico rallentamento».
Movimento anche al Bar Centrale dove il titolare Aldo Zeppilli e il suo staff hanno accolto dapprima gli atleti delle Fiamme Oro del rugby (in città per uno stage col Banca Macerata) e il giorno seguente le giovani calciatrici di una squadra umbra e le loro famiglie: «È stato un fine settima con tanta gente e per fortuna abbiamo potuto approfittare del “piano b” del servizio all’interno viste le previsioni del tempo - ha spiegato -, si è tornati alla normalità anche nel piacere di andare a prendersi un caffè in maniera serena e senza quei dubbi che magari hanno tolto la voglia di farlo nel recente passato. Noto con piacere che i turisti sono attirati dalla mostra di Crali a Palazzo Buonaccorsi».
Il prossimo sarà invece il fine settimana di Musicultura (14-19 giugno): «Sarebbe stato perfetto ritrovarsi per quelle date in “zona bianca” - ha commentato con rammarico Zeppilli -, nonostante la deroga per il coprifuoco, chi uscirà dagli spettacoli si troverà spaesato in città e sarà davvero un peccato in particolare per gli esercizi commerciali intorno allo Sferisterio». La proposta culturale per i turisti a Macerata sembra dunque promossa ancora una volta da maceratesi e turisti. La retrospettiva citata da Zeppilli dedicata alle opere del futurista Tullio Crali sarà ancora visitabile al Buonaccorsi fino al 30 agosto, dal martedì alla domenica, con orario 10-13 e 15-17-30; stessi orari per il museo della Carrozza. L’Arena Sferisterio resterà aperta sempre dal martedì alla domenica, ore 10-13 e 14.30-18.30; mentre l’area archeologica di Helvia Ricina necessita di prenotazione alla mail info@maceratamusei.it. Come è noto, la stagione lirica del Mof “100x100 Sferisterio” si svolgerà dal 23 luglio al 13 agosto con la messa in scena delle opere di Verdi, “Aida” e “La traviata”. L’estate maceratese sarà stagione di grandi concerti in Arena: tra le novità, le date del 2 agosto con Diodato, vincitore di Sanremo 2020, e quella del 9 agosto con Max Gazzè.

© RIPRODUZIONE RISERVATA