Sfollati via dagli hotel entro la fine di giugno, a più di tre anni dal sisma rischiano di finire nei container

Sabato 13 Giugno 2020
Il villaggio dei container di Tolentino
MACERATA - Terremotati fuori dagli hotel entro il prossimo 30 giugno. Sembra definitiva la scadenza trapelata in questi giorni e comunicata dalla Protezione civile regionale, in una lettera che sarebbe arrivata ai Comuni venerdì 5 giugno scorso. In totale ad oggi sono 204 le persone ospitate in alberghi, hotel e strutture ricettive. La Regione ha motivato la necessità di chiudere il contratto con le strutture ricettive, per accedere a forme di sostegno meno onerose per lo Stato, come il contributo di autonoma sistemazione. 

LEGGI ANCHE: Il sacerdote in auto travolge la sua parrocchiana: Marisa muore prima di essere soccorsa

Solo chi è in attesa della soluzione abitativa di emergenza o alloggio sostitutivo, può ancora restare in strutture ricettive, in alternativa alla richiesta del Cas.  A Tolentino i circa 40 ospiti di quattro strutture ricettive probabilmente finiranno al campo container, in attesa di entrare negli appartamenti sostitutivi delle Sae, pronti per il 2021. 
Spiega Flavia Giombetti, portavoce del Comitato 30 ottobre di Tolentino: «Il comune non ha detto nulla a nessuno, quando pensavano di farlo, gli ultimi giorni? Da un mese e mezzo circa gira la voce che entro il 30 giugno le persone dovranno lasciare le strutture ricettive, dove andranno? A Tolentino non ci sono case in affitto. Abbiamo scoperto per caso questa cosa, quando ad un agriturismo non sono arrivati i pagamenti. Una vergogna che deve finire».  © RIPRODUZIONE RISERVATA