Scuole e palestre, a Macerata task force al lavoro: appalti da 8 milioni

Scuole e palestre, a Macerata task force al lavoro: appalti da 8 milioni
Scuole e palestre, a Macerata task force al lavoro: appalti da 8 milioni
4 Minuti di Lettura
Sabato 26 Novembre 2022, 04:05

MACERATA - Tre nuove palestre a servizio delle scuole e l’ampliamento di due istituti esistenti. Sono queste le opere, per un investimento complessivo di quasi 8 milioni di euro, che la Provincia sta appaltando in queste settimane e che saranno finanziate grazie ai fondi messi a disposizione dal Pnrr per l’adempimento della Missione 4 “Istruzione e ricerca”. Una task force al lavoro in Provincia per rispettare i tempi molto stringenti previsti dal cronoprogramma dei fondi legati al Piano nazionale di ripresa e resilienza. 


I progetti


I progetti, approvati con decreto del presidente Sandro Parcaroli, «assicurano corrispondenza e coerenza con i criteri ambientali minimi, la sostenibilità delle strutture con criterio “nZeb” (nearly Zero energy building), rispetto delle norme sulla sismica, assenza di barriere architettoniche e impianti che consentono elevata sostenibilità ecologica», fanno sapere dalla Provincia. Dunque si stringe sui tempi e si sta chiudendo la fase più legata all’iter procedurale sulle carte per poi passare ai lavori veri e propri. Con i fondi si va a ristrutturare plessi e strutture utilizzate tutti i giorni da centinaia di studenti in provincia. 


Il piano


Il primo progetto (investimento 1.320.000 euro) riguarda la realizzazione di una nuova palestra di 700 metri quadri, all’istituto agrario “Garibaldi” di Macerata, la cui progettazione è stata affidata e realizzata in toto dalla Società Plan Ingegneria Società Cooperativa. L’opera sarà realizzata all’interno dell’ampia area di proprietà della scuola stessa, in corrispondenza del manufatto da demolire (accessorio stalla).


La palestra


Il secondo progetto (investimento 1.210.000 euro) riguarda la realizzazione della nuova palestra all’istituto “Mattei” di Recanati. La struttura sarà organizzata su due livelli: al piano terra verranno sistemati gli spogliatoi di alunni/insegnanti e magazzino per il deposito degli attrezzi, mentre al piano primo verrà realizzata la palestra. Il nuovo edificio sarà dotato di involucri ad elevato isolamento termico, impianti termici, elettrici e speciali ad alta efficienza, illuminazione al led, impianto radiante a pavimento e pompa di calore per climatizzazione estiva e invernale. «Per entrambi i progetti – spiega Laura Sestili, consigliera provinciale con delega all’edilizia scolastica – andremo a soddisfare le esigenze delle scuole che, in questi anni, hanno visto aumentare sensibilmente il numero degli iscritti. C’era necessità di nuovi spazi da mettere a disposizione degli studenti e la Provincia ha lavorato per cercare di dare la migliore risposta». Andrà a servizio dell’intero comprensorio di via Cioci, a Macerata, invece, la palestra che sarà realizzata all’interno dell’istituto “Matteo Ricci”. Diciamo che verrà utilizzata anche dai ragazzi del vicino Itg “Bramante”, dell’Ite “Gentili” e del liceo artistico “Cantalamessa”. Il progetto, per un investimento complessivo di 1.320.000 euro, è stato realizzato dalla società di ingegneria Exup srl. 


Gli ampliamenti


Per quanto riguarda, invece, l’ampliamento delle scuole, i progetti riguarderanno l’istituto “Leonardo Da Vinci” di Civitanova e l’istituto “Mattei” di Recanati. Nel primo caso l’ampliamento, la cui progettazione è stata affidata e realizzata dalla Società Fima Engeneering, avverrà su due livelli per un totale di 1.132 metri quadrati in cui saranno realizzate 10 nuove aule e 10 bagni. L’importo per la realizzazione dell’opera ammonta 2.647.488 euro. A Recanati, infine, l’ampliamento dell’istituto “Mattei” riguarda un recente manufatto realizzato tra la palestra e gli uffici (investimento di 1.320.000 euro), sviluppato su due piani, compreso di vano ascensore. La struttura sarà fornita di impianto fotovoltaico, elevata tecnologia degli impianti e nuovi infissi. Insomma, scuole al passo con i tempi e più green grazie ai fondi catturati dalla Provincia a valere sul Pnrr. Gli appalti sono in corso. I cantieri dovranno partire entro il mese di marzo 2023 per non perdere il treno dei fondi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA