Screening anti Coronavirus a Civitanova, 292 tamponi agli alunni. Sono due i positivi

Mercoledì 7 Aprile 2021 di Emanuele Pagnanini
Il centro per i tamponi

MACERATA - Ritorno sui banchi per i circa 15mila alunni maceratesi delle scuole dell’obbligo, più circa metà dei 14mila studenti delle superiori che alterneranno Dad a presenza. In diversi Comuni si sono effettuati degli screening volontari sulla popolazione scolastica. Sindaci che hanno invitato quante più famiglie a prendervi parte ma risposta, come era nelle previsioni, molto limitata. Ma a Civitanova il sindaco Ciarapica si dice comunque soddisfatto della risposta della popolazione, a differenza di qualche collega dell’entroterra. 

LEGGI ANCHE:

Civitanova Marche e Piediripa, i due maxi poli per le vaccinazioni anti-Covid aprono da giovedì

 


Questi i dati di tre giorni di test rapidi sugli studenti con costi a carico dell’amministrazione comunale. Complessivamente a Civitanova sono stati processati 292 tamponi antigenici da sabato 3 aprile a ieri (con l’esclusione della domenica di Pasqua), trovando due casi positivi. Nel dettaglio sabato 34 tamponi effettuati, 0 tamponi positivi; lunedì 94 tamponi 2 positivi; ieri 164 tamponi nessun positivo. I test sono stati effettuati nella postazione drive in allo stadio, gestita dal Polo diagnostico Villa Pini.

«Sono molto soddisfatto della risposta all’iniziativa da parte degli studenti – le parole di Ciarapica –, dimostrazione di responsabilità e collaborazione soprattutto alla luce dei 2 casi positivi che hanno permesso fin da ieri di mettere preventivamente in quarantena i due ragazzi appartenenti a due classi diverse, che differentemente avrebbero creato nel breve periodo classi in quarantena e un’ulteriore propagazione del virus. Il numero elevato dei “tamponati”, che sfiora le 300 unità sono un buon segno di collaborazione e di attenzione da parte di giovani e genitori per un ritorno in serenità a scuola. Questa è un’ulteriore dimostrazione che un attento monitoraggio può contenere e attenuare il diffondersi della pandemia». 


Di diverso avviso Ceciclia Cesetti, prima cittadina di Mogliano. «Si è svolto lo screening su base volontaria e gratuita per il mondo della scuola di Mogliano e Petriolo – si legge nella nota del Comune – grazie al quale è stato possibile intercettare 3 alunni positivi. Dobbiamo però ammettere con rammarico che abbiamo riscontrato un’affluenza inferiore alle aspettative, che permette un rientro meno sicuro a scuola. Sottoporre un alunno al test è anche sinonimo di grande senso civico e di responsabilità; ribadiamo che un positivo intercettato permette di evitare e spegnere sul nascere possibili focolai in famiglia o a scuola. La giornata è stata possibile grazie al volontariato medico e infermieristico; l’amministrazione comunale ringrazia tutti coloro che hanno messo a disposizione la propria professionalità per tutelare la salute della cittadinanza. Sentiti ringraziamenti si esprimono anche alla Protezione civile di Mogliano, che ha assicurato con il proprio servizio uno svolgimento ordinato ed efficiente delle procedure».

A Matelica lo screening si è svolto nella palestra Mancinelli. A Tolentino, invece, la campagna di tamponi per alunni è stata svolta nel mese scorso. In quell’occasione lo screening era stato affidato a uno spin-off dell’Università di Camerino ed ha riguardato gli studenti dell’istituto comprensivo Don Bosco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA