Sorpreso a spacciare eroina manda all'ospedale due poliziotti e fugge: preso il pusher nigeriano

Giovedì 13 Maggio 2021
Macerata, sorpreso a spacciare eroina manda all'ospedale due poliziotti e fugge: preso il pusher nigeriano

MACERATA - Era stato sorpreso a spacciare eroina ai giardini Diaz, a Macerata, ma lui era riuscito a fuggire. Non prima di aver aggredito i poliziotti costringendone un paio a far ricorso alle cure del Pronto soccorso. Ma ora, dopo ulteriori indagini, i polizotti hanno trovato e arrestato lo spacciatore, un 28enne di origine nigeriane.

 

Nel pomeriggio di ieri, i poliziotti della Squadra Mobile diretta dal Commissario Capo Dott. Matteo Luconi, hanno tratto in arresto un cittadino di origini nigeriane di anni 28, gravato da pregiudizi di Polizia per reati in materia di droga, colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Macerata nella giornata di ieri per fatti accaduti nel giugno del 2020.
L’uomo infatti, durante una operazione di Polizia, nel giugno dello scorso anno, era stato sorpreso in flagranza di reato mentre spacciava dosi di eroina nelle vicinanze dei giardini Diaz di Macerata. I poliziotti intervenirono immediatamente nel tentativo di fermare lo spacciatore due di loro rimasero feriti con prognosi di alcuni giorni, mentre lo straniero riuscì a darsi alla fuga. Successivamente ai fatti vennero sviluppate dalla Squadra Mobile ulteriori indagini che consentirono di individuare l’uomo come l’autore di decine di cessioni di dosi di sostanza stupefacente ad altrettante persone spesso giovanissime. La tesi investigativa della Squadra Mobile è stata sposata dalla Procura della Repubblica di Macerata che ha chiesto ed ottenuto l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dell’uomo.     
Nel pomeriggio di ieri, dopo alcune ore di ricerche, lo straniero, da tempo oggetto di attenzione da parte della Squadra Mobile, è stato rintracciato in questo centro cittadino, tratto in arresto ed associato al carcere di Ancona-Montacuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA