Macerata, shopping con la carta clonata
a Mosca, ma la vittima beffa l'hacker

Shopping con la carta
clonata a Mosca
ma la vittima beffa l'hacker
MACERATA - Tentata truffa a Mosca. Grazie all’agilità informatica e comunicativa della vittima prescelta il colpo è sfumato quando gli autori pensavano invece di averla fatta franca. Una carta di credito clonata all’ignaro titolare – Stefano Quarchioni, commercialista, past president del Rotary club di Macerata ed un passato più o meno recente di amministratore comunale a Mogliano e di hockeysta – ed a Mosca sono andati a colpo sicuro con lo shopping fraudolento.

Prelievi col bancomat rubato: due ragazzi nei guai, uno è minorenne

Il tempo di passare la carta in un negozio di Mosca molto frequentato, il pensiero rivolto all’uscita con la merce comprata dal clone moscovita del commercialista maceratese: un istante e sul telefonino del professionista maceratese è comparso il servizio di allerta. Stefano Quarchioni ha subito visto il messaggio e, visto che non era a Mosca ma al lavoro in terra maceratese, ha immediatamente bloccato la carta di credito. Acquisto sfumato per gli aspiranti malviventi e denuncia presentata dal professionista maceratese alle forze dell’ordine. La rapidità di reazione della vittima designata ha colto infatti in contropiede gli stessi truffatori che non sono riusciti a perfezionare l’acquisto e sono stati quindi costretti a darsi alla macchia con la merce: non è noto se siano riusciti a dileguarsi evitando la polizia moscovita.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 28 Agosto 2019, 06:36 - Ultimo aggiornamento: 06:36