Sferisterio, la guida del marketing sarà affidata a Maurizio Tosoroni: l'incarico sarà per tre anni

Sferisterio, la guida del marketing sarà affidata a Maurizio Tosoroni: l'incarico sarà per tre anni
Sferisterio, la guida del marketing sarà affidata a Maurizio Tosoroni: l'incarico sarà per tre anni
di Luca Patrassi
4 Minuti di Lettura
Martedì 12 Aprile 2022, 08:35

MACERATA  - Sarà il maceratese Maurizio Tosoroni a firmare per i prossimi tre anni la campagna marketing dell’associazione Sferisterio. Per l’esattezza, il servizio sarà svolto da un’Ati costituita per il marketing da LikePartners srls e per la raccolta fondi da Publiweb. Lo ha deliberato ieri mattina il consiglio di amministrazione dello Sferisterio che ha così finalmente chiuso una questione che andava avanti da diversi mesi e che aveva provocato divisioni anche nelle forze di maggioranza. 

 
Il primo avviso pubblico era stato annullato per effetto del particolare che i requisiti erano molto stringenti ed era arrivata una sola domanda, il secondo avviso non è che abbia avuto un grande successo, a confrontarsi sono stati in due e il Consiglio di amministrazione ha scelto la proposta presentata da Maurizio Tosoroni. A presentare il punto all’ordine del giorno e i contenuti delle due domande pervenute all’associazione, erano stati il presidente Sandro Parcaroli e il sovrintendente Luciano Messi che hanno poi fatto mettere ai voti la proposta di affidamento dell’incarico al maceratese Maurizio Tosoroni. Mandato triennale, sicuramente per l’anno in corso i tempi sono molto ma molto stretti visto che la decisione per l’affidamento dell’incarico è arrivata soltanto ieri dopo mesi di discussioni. 

Lo Sferisterio firmato Parcaroli propone cambiamenti ma anche conferme: c’è stato l’arrivo di Pinamonti alla direzione artistica, un cambio anche sul fronte del marketing mentre allo Sferisterio arriva un cambio anche sul fronte del marketing mentre Luciano Messi è rimasto, con un contratto di un anno ,ed è rimasta anche la responsabile della comunicazione Floriana Tessitore. Il Consiglio di amministrazione dell’associazione Sferisterio tornerà a riunirsi la settimana prossima per definire gli ultimi aspetti della stagione lirica 2022: ci sono da definire alcuni particolari legati alle attività collaterali mentre dall’associazione filtra la notizia dell’andamento positivo della biglietteria, al botteghino insomma buone nuove sul fronte della vendita dei biglietti per la stagione lirica 2022.

Dal 19 luglio al 21 agosto, ventidue serate allo Sferisterio e due al Teatro Lauro Rossi per riportare il pubblico sotto le stelle tra Beethoven (tre sinfonie e i cinque concerti per pianoforte), Puccini (Tosca), Rossini (Il barbiere di Siviglia) e il Novecento storico (Pagliacci di Leoncavallo, Rapsodia Satanica di Mascagni e The Circus di Chaplin) durante le quali i protagonisti del palcoscenico e della macchina da presa si incontrano.

Novità significativa è la presenza di grandi orchestre insieme a celeberrime bacchette: ad aprire il festival sarà un concerto dell’Orchestra e Coro del Maggio Musicale Fiorentino diretti da Zubin Mehta (19 luglio), impegnati nella Sinfonia n. 9 di Beethoven; quindi l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia arriverà a Macerata con Myung-Whun Chung (21 luglio) per proporre le Sinfonie n. 6 (la “Pastorale”) e n. 7 di Beethoven; i cinque concerti per pianoforte del compositore di Bonn saranno interpretati dal pluripremiato pianista Jan Lisiecki, star delle sale di tutto il mondo (4 e 6 agosto); la Cappella Neapolitana diretta da Antonio Florio (18 agosto, Teatro Lauro Rossi) eseguirà un programma dedicato alle Marche con una raccolta di Litaniae Lauretanae di Mozart e Giuseppe Giordani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA