«Paghi oggi, mangi domani a prezzo scontato». Per far ripartire i locali arrivano i restaurant bond

Andrea Tombolini
Andrea Tombolini
di Andrea Mozzoni
3 Minuti di Lettura
Domenica 3 Maggio 2020, 04:55

MACERATA - Raccolta fondi e offerte speciali per i clienti di Spritz&Chips, Osteria Agnese e Hotel Lauri a Macerata. Personalissimi “bond” per la Locanda “Le logge” a Urbisaglia. Le prime tre attività del capoluogo si sono unite in una campagna crowdfunding sulla piattaforma Eppela, con la possibilità di accedere a svariati servizi; mentre il ristorante e b&b ha lanciato dei voucher “sospesi” fino alla prossima riapertura. Tutti uniti da un unico obiettivo: tornare alla propria normalità tra socialità e clienti soddisfatti. Nello specifico, il cocktail bar, il ristorante e l’albergo stanno promuovendo l’iniziativa “Fai tornare i sorrisi a Macerata”, collaborando ognuno nel proprio settore per non lasciarsi sconfiggere moralmente ed economicamente dal Coronavirus.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, si impenna di nuovo il numero dei morti: 11 in un giorno nelle Marche. In totale sono 927/ La mappa interattiva dei contagi provincia per provincia

 
«L’impatto della pandemia è ancora più forte nei territori colpiti dal sisma - dichiara Fabio Renzetti, titolare di Spritz&Chips -, Macerata continua a non arrendersi, anche grazie all’intraprendenza degli operatori che ne formano il tessuto economico. Queste tre attività hanno deciso di rimboccarsi le maniche, offrendo ai clienti la possibilità di acquistare oggi le loro specialità, per poterne godere quando sarà di nuovo possibile stare insieme». Il “pacchetto” comprende la possibilità di accedere rispettivamente a un breve soggiorno all’Hotel Lauri (una camera doppia a 65 euro), la prenotazione di un cocktail per il locale gestito da Renzetti e un menu a prezzo convenzionato da Agnese. 
«Tramite un buono si potrà accedere a un’offerta della tradizione a 18 euro che comprende un antipasto, un primo, un secondo, un contorno e un dolce - spiega Mattia Baldoni titolare insieme alla madre proprio dell’Osteria Agnese -, per nostra fortuna non abbiamo mai smesso di effettuare il servizio a domicilio e ora ci occupiamo della vendita anche da asporto senza spese aggiunte alla consegna. Dall’inizio dell’emergenza c’è stato un calo fisiologico nel corso sella settimana, mentre nei weekend c’è un po’ di ripresa». L’idea dei “bond” per la ristorazione nasce invece negli Stati Uniti ed è stato reinterpretato dall’inventiva di Andrea Tombolini della Locanda Le legge di Urbisaglia. Una struttura che lo chef gestisce con il padre Alfio, la madre Natalina e il fratello Tommaso. «Non ci siamo trasformati in una banca - scherza Tombolini -, abbiamo deciso di lanciare i nostri bond per sostenerci in questo periodo di chiusura e allo stesso tempo dare un vantaggio economico ai clienti in vista della riapertura». Se lo strumento fa discutere in Europa in campi ben diversi, a Urbisaglia mette tutti d’accordo: «Sono due voucher, quello ristorante del valore di 50 euro (anziché 66 euro, per una cena per due persone) e quello Bed & Breakfast da 60 euro (ma del valore di 80, per una notte)».
Grazie alla disponibilità di Tombolini, la proposta si allargherà presto anche agli iscritti dell’Associazione cuochi di Macerata. Chi non sorride affatto è invece Luca Falaschini, titolare del pub “Green Door” a Recanati e nel comitato che comprende oltre trecento tra baristi e ristoratori marchigiani. Il gruppo ha promosso un flashmob su Fb con cui sono stati diffusi gli emblematici video dei locali chiusi. Sul tavolo, alcune richieste economiche sottoposte a Governo, Regioni e Comuni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA