Autista senza il Green pass, stop al pullman per Roma. Sanzione anche alla società

Martedì 14 Dicembre 2021 di Giuseppe Porzi
La polizia durante un'operazione di controllo

MACERATA - Sali su un pullman per verificare se i passeggeri abbiano rispettato le regole che impongono il Green pass e scopri che l’irregolare è l’autista. Il risultato è lo stop al pullman finché non si pone rimedio con la sostituzione del guidatore. È accaduto ieri mattina durante uno dei tantissimi controlli avviati su scala nazionale all’indomani della feroce recrudescenza della pandemia. Coinvolto l’autista di un veicolo di linea che collega il  territorio maceratese a Roma

Torna a tremare la zona del cratere: serie di scosse di terremoto, la più forte di Magnitudo 3.3
 

 

Ad una fermata a Mosciano Sant’Angelo, in provincia di Teramo, gli agenti della polizia stradale di Pineto hanno accertato che l’autista di un autobus di linea di lunga percorrenza proveniente da Civitanova e diretto a Roma Fiumicino era sprovvisto di Green pass. Per il guidatore è scattata la sanzione secondo quanto previsto dal decreto legge numero 52 di quest’anno e una analoga sanzione è stata contestata al datore di lavoro. L’autobus ha poi ripreso la marcia ma, come detto, soltanto dopo che gli agenti di polizia hanno verificato l’avvenuta sostituzione dell’autista con un collega che - anche in questo caso dopo il controllo del possesso e della regolarità del Green pass - si è potuto mettere subito messo alla guida consentendo ai viaggiatori di arrivare a destinazione.

Come accennato, i controlli anticovid in questi giorni hanno riguardato anche il nostro territorio e si sono snodati secondo il piano elaborato nell’ultima riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica . Le verifiche delle forze dell’ordine e delle polizie locali sul possesso del Green pass si sono concentrate soprattutto nei luoghi di maggiore afflusso di persone dove il rischio di assembramento è più elevato. Durante la settimana scorsa sono state controllate 4.628 persone al fine di verificare il possesso e la validità della “certificazione verde”. Le persone sanzionate sono state 32. Per quanto riguarda le attività commerciali sono state 918 quelle controllate, mentre i titolari di esercizi commerciali sanzionati per il mancato rispetto della normativa sono stati 16. Le chiusure provvisorie dei locali sono state quattro. 

I controlli delle forze dell’ordine si sono concentrati anche sull’utilizzo dei cosiddetti dispositivi di protezione individuale (le mascherine): 15 le sanzioni elevate. Infine, il lavoro di prevenzione ha riguardato anche il contrasto all’organizzazione di feste non autorizzate, la somministrazione di alcolici a minori, il mancato rispetto della quarantena da parte di persone positive al virus e l’utilizzo di personale negli esercizi commerciali non in possesso di Green pass.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA