Pronti altri posti al Covid hospital e i medici militari nelle case di riposo

Pronti altri posti al Covid hospital e medici militari nelle case di riposo
Pronti altri posti al Covid hospital e medici militari nelle case di riposo
di Alessandra Bastarè
3 Minuti di Lettura
Lunedì 9 Novembre 2020, 05:30

MACERATA  - Tre morti in Provincia registrati ieri dal bollettino del Servizio Sanità della Regione Marche che erano risultati positivi al Covid-19; sette i decessi complessivi in regione. Nel Maceratese sono deceduti una donna di 88 anni di Civitanova che era ricoverata presso la residenza di Campofilone, un uomo di 87 anni di Macerata ricoverato nel capoluogo e un uomo di 74 anni di Gualdo che si trovava sempre ricoverato a Macerata; tutti avevano delle patologie pregresse. A Macerata è anche deceduto un uomo di 66 anni di Monterubbiano. 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, oggi in Italia 331 morti e 32.616 nuovi positivi. Boom di guariti (+6.183) ma aumentano ancora i malati gravi

 
Ieri il bollettino giornaliero regionale ha registrato 130 nuovi casi di Covid-19 in Provincia di Macerata sui 502 regionali (il Maceratese è secondo per numeri di contagi dopo Ancona). In aumento le persone che si trovano in isolamento domiciliare che sono 3.779 (73 in più rispetto al giorno precedente); di queste 308 presentano sintomi mentre 106 sono operatori sanitari. Salgono anche i ricoveri al Covid-hospital di Civitanova: sono undici le persone che si trovano in terapia intensiva (due in più rispetto al giorno prima) mentre rimangono 14 quelle in terapia semi intensiva. La Regione Marche è già al lavoro per l’attivazione del terzo modulo della struttura realizzata dall’ex capo della Protezione civile Guido Bertolaso che permetterà di avere ulteriori 14 posti letto. Come aveva annunciato la scorsa settimana la direttrice regionale dell’Asur, la dottoressa Nadia Storti, si tratterà di un modulo “misto” dove saranno ricoverati pazienti in entrambe le terapie, sia intensiva sia semi intensiva. Sono al completo ormai da una settimana i posti letti nella palazzina di Malattie Infettive di Macerata con 43 ricoveri. 


Ieri erano infine 13 le persone ricoverate al pronto soccorso del capoluogo (il giorno prima 12), undici in quello di Civitanova (erano 7 il giorno precedente) e uno in quello di Camerino. Rimane sorvegliata speciale anche la situazione nelle case di riposo della Provincia dove si registrano focolai da Covid-19 sia tra gli ospiti sia per quanto riguarda gli operatori sanitari: nello specifico a Villa Cozza nel capoluogo, nelle case di riposo di Loro Piceno e Mogliano delocalizzate a Maestà di Urbisaglia e nella casa di riposo Lazzarelli di San Severino. 


Sono oltre cento gli ospiti delle strutture risultati positivi al virus. In giornata nelle strutture di Macerata, Loro Piceno e Mogliano è atteso l’arrivo dei medici militari che la scorsa settimana avevano già effettuato un sopralluogo nelle residenze per anziani; il personale dell’Esercito sarà di supporto agli operatori sanitari che lavorano nelle strutture maceratesi e che si trovano a fare i conti con una riorganizzazione del lavoro dovuto alla divisione interna tra anziani positivi - che necessitano della presenza continua di medici - e negativi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA