Macerata, spaccio di droga in centro
Tre profughi arrestati dalla polizia

Giovedì 21 Settembre 2017 di Benedetta Lombo
La polizia

MACERATA - Trovati con eroina e marijuana, tre pusher in manette. L’operazione antidroga è stata compiuta dagli agenti della Squadra mobile nel centro storico di Macerata. Due nigeriani di 34 e 37 anni, Ehis Egbelehulu e David Nosa Happy, entrambi in Italia con permesso di soggiorno rilasciato nel 2016 e nel 2014 per motivi umanitari sono stati condotti in carcere, mentre il terzo, un ghanese di 36 anni, Soso Desmond Ali, in Italia con permesso di soggiorno rilasciato a seguito della richiesta di asilo politico, è finto ai domiciliari. Da quanto emerso gli agenti hanno fermato Nosa Happy lungo viale Leopardi. Il giovane è stato trovato in possesso di circa 3,5 grammi di marijuana e 755 euro.
Da lì il controllo è proseguito in un’abitazione in vicolo Secondo dove abita Ali e dove c’era anche Egbelehulu. Al termine di nuove perquisizioni personali e domiciliare gli agenti hanno trovato, complessivamente, circa 17 grammi di eroina e quattro di marijuana oltre a Sim telefoniche e un bilancino di precisione. I tre extracomuniatri sono stati portati tutti in questura. Mentre erano lì il trentaquattrenne Egbelehulu ha chiesto agli agenti di poter andare in bagno. Una richiesta suonata sospetta ai poliziotti che lo hanno monitorato riuscendo a recuperare mezzo ovulo di eroina del peso di circa cinque grammi. A quel punto il giovane è stato portato in ospedale dove è stato sottoposto a un esame radiografico per accertare l’eventuale presenza di ulteriori ovuli nello stomaco. Nel frattempo è stata eseguita una perquisizione domiciliare anche nella stanza occupata da Egbelehulu e lì sarebbero spuntati altri 270 grammi di marijuana nascosti nella federa del cuscino e un bilancino di precisione sotto al letto. In uno sgabuzzino, invece, sono stati trovati altri tre ovuli di eroina. Tutti e tre gli africani sono stati arrestati su ordine del pubblico ministero Rosanna Buccini e sono in attesa della convalida dell’arresto. Sono difesi, tra gli altri, dall’avvocato Jacopo Allegri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA