Per la pensione a domicilio ci si può rivolgere ai carabinieri: ecco come fare

Venerdì 28 Gennaio 2022
Per la pensione a domicilio ci si può rivolgere ai carabinieri: ecco come fare

MACERATA  - In provincia di Macerata le pensioni del mese di febbraio sono state accreditate a partire da mercoledì per i titolari di un libretto di risparmio, di un Conto BancoPosta o di una Postepay Evolution. Lo comunica Poste Italiane. I titolari di carta Postamat, Carta Libretto o di Postepay Evolution «potranno prelevare i contanti dai 47 Atm Postamat disponibili in provincia, senza bisogno di recarsi allo sportello», fa sapere l'azienda.

 

In continuità con quanto fatto finora e con l’obiettivo di evitare assembramenti, il pagamento delle pensioni in contanti avverrà secondo una turnazione alfabetica che potrà variare in base al numero di giorni di apertura dell’Ufficio Postale di riferimento. 


Pertanto, i cognomi dalla A alla B hanno ritirato mercoledì scorso, dalla C alla D ieri, dalla E alla K oggi, dalla L alla O potranno ritirare domani mattina; dalla P alla R lunedì 31 gennaio; dalla S alla Z martedì 1° febbraio. Poste Italiane ricorda inoltre, in una nota, «che i cittadini di età pari o superiore a 75 anni che percepiscono prestazioni previdenziali presso gli uffici postali e che riscuotono normalmente la pensione in contanti, possono richiedere, delegando al ritiro i Carabinieri, la consegna della pensione a domicilio. Le modalità di pagamento anticipato delle pensioni hanno carattere precauzionale e sono state introdotte con l’obiettivo prioritario di garantire la tutela della salute dei lavoratori e dei clienti di Poste Italiane. È necessario indossare la mascherina protettiva, entrare nell’Ufficio Postale solo all’uscita del cliente precedente e tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno sia nelle sale aperte al pubblico - raccomandano dall'azienda -. Poste Italiane ricorda inoltre che in 16 uffici postali della provincia di Macerata è possibile prenotare il proprio turno allo sportello tramite WhatsApp».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA