Piano da 1,5 milioni per il nuovo look ai parchi urbani, il bando per i lavori a settembre

Martedì 17 Maggio 2022 di Mauro Giustozzi
I giardini Diaz avranno un nuovo look

MACERATA - L’obiettivo è emanare i bandi di assegnazione dei lavori entro settembre così da rispettare la scadenza di apertura dei cantieri prima di giugno 2023 come previsto dalla normativa. Avanza il grande progetto per rigenerare, innovare, ammodernare i parchi e i giardini pubblici della città. Grazie al bando di Rigenerazione Urbana vinto dal Comune di Macerata che porta in dote 20 milioni di euro, di cui 1,5 milioni saranno destinati proprio al verde e all’ambiente.

 
Progetti che riguarderanno sia i polmoni verdi più grandi del capoluogo che i giardini pubblici di quartieri e frazioni. «Siamo nella fase molto spinta di una progettualità preliminare degli interventi - afferma l’assessore a Decoro e parchi pubblici Paolo Renna- perché poi si andrà a gara con questo preliminare e il quadro economico che riguarderà il singolo giardino o parco pubblico su cui andremo ad intervenire. Si tratta di quattro interventi scollegati tra loro ma che andranno a gara unica. Non è semplice far quadrare il conto economico perché ci troviamo di fronte a continui cambi di prezzo e ad aumenti dei materiali che costringono i tecnici a rimodellare progetti. L’obiettivo per Renna è «varare il bando a settembre e assegnare subito i lavori e completarli nel 2023». 

Gli interventi riguardano quattro siti: i giardini Diaz, il parco Fontescodella, l’area verde delle Vergini “Geppino Micheletti”, e il Sasso d’Italia a Montalbano. Nel cronoprogramma dei lavori il primo cantiere riguarderà l’area verde delle Vergini dove già l’amministrazione è intervenuta quest’anno per potenziare l’area destinata ai bambini con l’installazione di nuovi giochi come la teleferica, il cestone per far giocare i bimbi disabili, e la sistemazione delle pavimentazioni e le altalene degradate. «Abbiamo anche effettuato una piantumazione di alberi per rendere ombreggianti i giardini delle Vergini, un’esigenza che ci era stata segnalata dai residenti e dai fruitori di questa area verde», spiega Paolo Renna. 

«Vogliamo riqualificare pure il laghetto con lo stesso sistema di riciclo dell’acqua usato per lo specchio d’acqua dei giardini Diaz - continua - per non sprecare acqua potabile e non tenere più acqua stagna lì alle Vergini. Una situazione che aveva creato problemi per la presenza di tartarughe o pesci che non potevano stare li, peraltro questi ultimi spesso morti che galleggiavano sulle acque stagnanti. Un rischio per la salute pubblica cui porre rimedio». Puntare sulla rigenerazione di giardini e parchi che siano anche attrattivi per poter svolgere attività ludiche e sportive di bambini e adulti è uno dei focus di questa amministrazione guidata dal sindaco Parcaroli. «In generale provvederemo a sistemare ed ampliare tutte le aree gioco destinate ai bambini, verrà fatta una ulteriore piantumazione, saranno sistemati tutti i passaggi pedonali ed allestiremo delle aree fitness dove si potrà fare sport all’aria aperta». 

«La nostra idea è sempre stata quella di collocare queste aree fitness in ogni quartiere della città, iniziando proprio dai parchi - conclude l’assessore Renna -. Nella nostra visione l’area di Fontescodella a ridosso del centro la vorremmo trasformare in un parco fitness all’aperto, che non sia invasivo del verde. Quindi passeremo a giardini Diaz e Sasso d’Italia. Saranno lavori molto rapidi, nell’arco di un anno e mezzo li concluderemo comprendendo interventi minori pure su giardini e aree verdi di quartieri e frazioni». 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA