La supertestimone: "Con Oseghale c'erano
altri due uomini nell'attico dell'orrore"

La supertestimone: "Con Oseghale c'erano
altri due uomini nell'attico dell'orrore"
MACERATA - Ci sarebbe una supertestimone che comprova la presenza di altri due uomini nell'attico dell'orrore dove sarebbe stata uccisa e fatta a pezzi Pamela Mastropietro. Si tratta della compagna con cui Innocent Oseghale, il primo nigeriano ad essere finito in carcere, ha avuto un bambino. La ragazza, Michela P., sentita dai carabinieri di Macerata avrebbe detto di avere parlato il 30 gennaio, giorno nel quale la povera Pamela muore, con Oseghale e nel corso della telefonata avrebbe anche sentito le voci di altri uomini. "Non era solo Innocent dentro casa" è il senso della sua deposizione "e non può aver fatto quello che ho sentito senza l'aiuto di altre persone".
© RIPRODUZIONE RISERVATA

MercoledƬ 14 Febbraio 2018, 13:18 - Ultimo aggiornamento: 14-02-2018 13:19

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO