Nomination per lo Sferisterio di Macerata agli International Opera Awards di Londra. In gara per il miglior Festival

Sabato 8 Maggio 2021 di Veronica Bucci
Lo Sferisterio di Macerata gremito per la stagione lirica

MACERATA - Il Macerata Opera Festival ha conquistato una nomination agli International Opera Awards, premi che annualmente celebrano a Londra il meglio del mondo musicale operistico internazionale. La cerimonia di premiazione – dopo varie incertezze e spostamenti dovuti alla pandemia – avrà luogo online lunedì alle ore 19.30 (ora italiana) e sarà possibile seguirla acquistando a questo link https://bit.ly/2PFG2hX un biglietto al costo di 10 sterline, che saranno devolute all’Opera Awards Foundation Artist Hardship Fund, impegnata in questi mesi ad aiutare gli artisti in difficoltà.

LEGGI ANCHE:

Insegnante positivo e classi in quarantena, il sindaco chiude le scuole: «Dad per tutti»

 

La nomination per il Macerata Opera Festival è nella categoria “Miglior festival 2019” e si contende la vittoria con queste altre istituzioni internazionali: il festival Castell de Peralada (Spagna), l’Enescu Festival di Bucarest (Romania), il Donizetti Opera (Italia), lo 019 di Philadelphia (Usa), il Festival di Salisburgo (Austria). Fra i registi in gara c’è anche Valentina Carrasco che firmerà l’Aida del Centenario nel mese di luglio allo Sferisterio, in “lotta” con Graham Vick (che ricordiamo era il regista del Flawardsauto magico nel 2017).

Gli International Opera Awards, fondati nel 2012 dal filantropo Harry Hyman e sponsorizzati da Mazars, prevedono premi per 18 categorie; il verdetto è affidato a una giuria composta da operatori culturali e giornalisti di tutto il mondo. Media partner della cerimonia sono Bbc Radio3 e la rivista internazionale “Opera Magazine” diretta da John Allison. È stato comunicato che l’edizione degli International Opera Awards relativa alla programmazione 2020 non avrà luogo ma, durante la cerimonia di lunedì, saranno ricordate le più importanti produzioni andate in scena nonostante la pandemia.

Ristretto il numero di altre nomination legate al nostro paese: il Coro del Teatro Verdi di Trieste, il Teatro La Fenice per i progetti Education e per l’Orchestra, il Donizetti Opera di Bergamo, i cantanti Cecilia Bartoli, Teresa Iervolino, Roberta Mantegna, il Teatro Lirico di Cagliari per l’opera “Lo schiavo” di Gomes e il Teatro Regio di Torino per “Agnese” di Paer.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA