Mari, presidente dell'Ordine di Macerata: «Quattro no vax sospesi su 2.200 medici iscritti»

Un tampone
Un tampone
di Luca Patrassi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Novembre 2021, 06:40 - Ultimo aggiornamento: 11:52

MACERATA - Sospensioni di dipendenti dell’azienda sanitaria regionale delle Marche non vaccinati, revoca di sospensione: l’albo pretorio è dominato, al pari di molti altri luoghi fisici e non, dalle questione legate al Covid. Le pagine social sono piene di interventi sul tema, con prese di posizioni varie sull’argomento. Macerata è anche la provincia delle Marche con la percentuale più bassa di abitanti vaccinati. Impressione che traspare anche dalla visione delle pagine dei gruppi no vax e dai post di alcuni operatori sanitari. 

 
Se però si dovesse, come si dovrebbe, dare ascolto alle statistiche, ebbene le statistiche dicono che in provincia di Macerata, sui circa 2.200 iscritti all’Ordine di medici ce ne sono soltanto quattro sospesi per non aver risposto all’obbligo vaccinale. Lo zero virgola poco per cento. Nessun commento arriva dall’istituzionalissimo presidente dell’Ordine dei Medici maceratese Romano Mari: «Sospendo quelli che mi vengono segnalati dall’Asur». Il presidente Romano Mari del resto ripete da mesi che sulla questione l’Ordine dei Medici non ha possibilità alcuna di interlocuzione: l’unica procedura consentita dalla normativa vigente è la sospensione dall’Ordine appena avuta comunicazione ufficiale che un medico non ha adempiuto all’obbligo vaccinale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA