Maltratta la compagna e la figlia: primario
arrestato, avrà il braccialetto elettronico

Giovedì 10 Ottobre 2019

MACERATA - Avrebbe maltrattato compagna e figlia per anni, primario arrestato.
L’uomo, un sessantenne che lavora in un ospedale della provincia, ora è agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico. Al momento non ha il permesso per allontanarsi da casa neppure per andare al lavoro.

Stalking, braccialetto anche per la vittima: allarme se l'ex si avvicina

La misura, disposta dal gip Giovanni Maria Manzoni su richiesta del procuratore capo Giovanni Giorgio, è stata eseguita mercoledì scorso dai carabinieri della Compagnia di Civitanova, guidata dal capitano Massimo Amicucci, che hanno condotto le indagini sul caso.
La vicenda risalirebbe ad alcuni anni fa, in base a quanto denunciato dalla donna prima, e dalla figlia poi, il primario per anni avrebbe maltrattato la compagna e la figlia costringendole a subire frequenti violenze verbali. Insulti, parolacce ed esternazioni mortificanti rivolti a entrambe. Nei confronti della compagna, poi, le violenze da verbali si sarebbero trasformate anche in aggressioni fisiche tant’è che la donna è stata costretta a ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Ultimo aggiornamento: 18:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA