Nascondeva un etto e mezzo di droga in casa sotto una pila di abiti, 25enne in manette

Martedì 26 Gennaio 2021 di Veronica Bucci
L'operazione è stata condotta dalla polizia

MACERATA - Nell’ambito della mirata implementazione dei servizi di controllo del territorio per il contrasto ai reati connessi alla diffusione delle sostanze stupefacenti nella tarda serata di domenica si è chiusa la rete della Polizia di Stato attorno ad un cittadino di origini albanesi di 25 anni residente a Macerata trovato in possesso di oltre un etto e mezzo di hashish destinato a rifornire i “clienti” della provincia. 

LEGGI ANCHE:

Vendeva la cocaina a 100 euro al grammo: arrestato un magrebino di 42 anni

 

Dopo un’indagine lampo durata alcuni giorni infatti, nella tarda serata di domenica i poliziotti dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico diretto dal vice questore aggiunto Lorenzo Commodo e della squadra mobile diretta dal commissario capo Matteo Luconi, hanno fatto irruzione in una abitazione di Macerata all’interno della quale è stato sorpreso il cittadino albanese successivamente tratto in arresto, già conosciuto dalle forze dell’ordine per i suoi trascorsi in materia di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Nel corso della perquisizione sotto una pila di abiti, i poliziotti hanno rinvenuto due involucri contenenti rispettivamente un etto e mezzo etto di sostanza stupefacente del tipo hashish. Altra sostanza per un peso di ulteriori 10 grammi è stata rivenuta all’interno dell’appartamento divisa in dosi celate in vari nascondigli. Inoltre è stato trovato un bilancino di precisione utilizzato dallo spacciatore per il confezionamento delle dosi.

La sostanza stupefacente sequestrata del peso di oltre 150 grammi se divisa in dosi avrebbe consentito il confezionamento di oltre 450 dosi destinate ai “clienti” della nostra provincia. Per questi motivi il giovane è stato tratto in arresto e ristretto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida che si è tenuta presso il Tribunale di Macerata ieri mattina. Il giovane, il cui arresto è stato convalidato ha patteggiato a un anno di reclusione e 2.800 euro di multa. Pena sospesa
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA