Covid, grave un ragazzo di 29 anni senza altre patologie. E' ricoverato in terapia intensiva a Torrette

Giovedì 11 Febbraio 2021
Covid, grave un ragazzo di 29 anni senza altre patologie. E' ricoverato in terapia intensiva a Torrette

MACERATA - Un giovane di 29 anni del Maceratese positivo al coronavirus è stato ricoverato ieri in gravi condizioni nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale regionale di Torrette di Ancona con una polmonite da Covid. Le sue condizioni sono piuttosto serie e costantemente monitorate dall’equipe di sanitari del nosocomio dorico. Il giovane, padre di due bambini piccoli, aveva contratto il Covid da una decina di giorni e non ha alcuna patologia pregressa. E’ arrivato in ambulanza al pronto soccorso di Macerata nel pomeriggio di martedì quando le sue condizioni erano peggiorate al punto da allertare subito i soccorsi. 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, altri 8 morti nelle ultime 24 ore nelle Marche, ma calano i ricoverati/ Il contagio nelle regioni

 


Aveva infatti la febbre da diversi giorni ma martedì la situazione era improvvisamente precipitata. Una volta arrivato al pronto soccorso è stato visitato e i sanitari si sono subito resi conto che le condizioni del 29enne erano piuttosto serie. E’ stato quindi ricoverato in medicina d’urgenza a Macerata, gli è stato applicato il casco per il supporto alla respirazione ma nella notte la saturazione è peggiorata. Ieri mattina è stato intubato e trasferito all’ospedale di Torrette nel reparto di rianimazione. Si tratta di uno dei pazienti gravi più giovani dall’inizio della pandemia nel Maceratese. E va detto che ultimamente si sono presentati ai pronto soccorso con polmoniti da Covid molte più persone giovani che in passato.

E’ intanto terminato ieri lo screening a Tolentino organizzato a seguito della scoperta di di alcuni casi della variante inglese tra gli studenti delle scuole di Tolentino e Pollenza. Casi che hanno subito fatto scattare l’allarme e che hanno più in generale acceso i riflettori sulla situazione dei contagi nelle scuole. In provincia di Macerata ogni settimana finiscono in quarantena cinque o sei classi, un numero che rischia di aumentare con il ritorno in aula al 50 per cento delle scuole superiori a partire dallo scorso 25 febbraio. Le ultime classi ad essere poste in quarantena sono state quelle della scuola media Monti di Pollenza, il cui plesso è stato chiuso con ordinanza del sindaco fino al 15 febbraio.

Tornando allo screening, ieri sono stati effettuati a Tolentino 500 tamponi molecolari per un totale di oltre 1.700 test effettuati nei tre giorni. Un’adesione massiccia segno che le famiglie hanno capito l’importanza di questa iniziativa di prevenzione. Ieri sono arrivati i risultati dei primi 150 test effettuati lunedì nel percorso screening di Tolentino e sono tutti negativi. Anche per via delle quarantene imposte alle classi degli istituti dove è stata rilevata la presenza di casi Covid sono aumentate le persone in isolamento domiciliare in provincia di Macerata. Ieri erano 3.330 contro le 3.274 del giorno precedente. Tra queste anche 82 operatori sanitari e 344 persone sintomatiche. Resta forte la pressione sulle strutture ospedaliere della Provincia.

Intanto è partita la corsa per l’allestimento dei punti di vaccinazione della popolazione over 80 nella provincia di Macerata, vaccinazione che scatterà dal 20 febbraio. Quattro le location annunciate dalla Regione come punti di raccordo per effettuare la prima dose del siero. A Macerata il punto sarà all’Oratorio Santa Madre di Dio, a Civitanova Marche al centro civico, a Camerino e San Severino nei rispettivi distretti sanitari.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA